Ricercatore disgustato denuncia il tentativo di corruzione. Ma non succede nulla. - Franz's Blog

Ricercatore disgustato denuncia il tentativo di corruzione. Ma non succede nulla.

miurUn articolo su Repubblica, lo trovate qui, riporta la storia di un ricercatore, Claudio Fiocchi, residente da anni negli Stati Uniti.

Ingaggiato dal Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) per valutare un progetto e fornire un parere sull’opportunità di finanziarlo o meno, dopo pochi giorni riceve una mail in cui gli autori del progetto si raccomandano caldamente perchè lui dia il giudizio più favorevole possibile. Passa qualche altro giorno e un suo ex allievo viene chiamato al telefono perchè interceda presso di lui in favore del progetto.

A questo punto Fiocchi, “esasperato” decide di declinare l’incarico con una lettera in cui denuncia il fatto a chi di competenza. La lettera non riceve risposta e Fiocchi “disgustato” lascia l’incarico, sparando poi a zero sul fatto che cose simili possono accadere solo in Italia perchè negli States una episodio del genere avrebbe dato il via ad immedite inchieste ed indagini.

A parte il fatto che non mi pare che un paio di email e una telefonata possano costituire una “pressione” su qualcuno, mi sembra che la notizia sia veramente tirata per i capelli.

Certo, il fatto che il nome del ricercatore sia venuto fuori non è gradevole ma da quando gli Stati Uniti sono questo fulgido esempio di correttezza e giustizia infallibile e immediata?

In più, il fatto che Fiocchi dipinga gli States come un modello di riservatezza ed incorruttibilità mi pare francamente un’opinione a dir poco confutabile. Altrettanto mi pare, ammesso che le cose stiano come riportato nell’articolo che Fiocchi sia persona dalla pelle particolarmente sottile e di una suscettibilità alquanto esagerata

Insomma… a me questo articolo pare decisamente quantomeno strano.

Così… tanto per farmi venire un dubbio…

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

8 risposte a Ricercatore disgustato denuncia il tentativo di corruzione. Ma non succede nulla.

  • Sono assolutamente in linea con il tuo intelligentissimo post. Non ho condiviso la denuncia del Prof. Fiocchi. Qui spiego perchè http://occhichesannoguardare.myblog.it/archive/2009/09/24/la-dannosa-ed-inutile-denuncia-del-prof-fiocchi.html#more

    • Grazie! Ti ho risposto sul tuo articolo… meno male pensavo di aver detto una castroneria!

      • Caro Franz, questa volta devo proprio dissentire dal tuo post, per non parlare poi del post di “cattivo maestro”… Cerco di spiegare le mie ragioni da persona che, facendo il ricercatore scientifico all’estero, conosce bene dall’interno il mondo di cui si parla.

        E’ pratica all’interno del mondo scientifico che i lavori ed i progetti vengano valutati, gratuitamente come forma di collaborazione reciproca, da altri colleghi esterni. In questo modo si cerca di far sì che ciò che venga finanziato prima e pubblicato poi subisca una valutazione il più possibile imparziale. Per un’articolo vi sono almeno due valutazioni indipendenti (il termine tecnico è in inglese “referee”), che sono rigirosamente anomnime e indipendenti. Per un finanziamento spesso sono anche tre. La valutazione si avvale sempre di scienziati esterni, non legati alle persone da valutare, per determinare la validità del lavoro presentato. Pensare che un referee riceva una telefonata da una persona di cui sta valutando il lavoro è, in ambiente internazionale assurdo e fuori da ogni logica, quanto inaccettabile. Se questo succede vuol dire che la rivista o l’ente che sta cercando di ottenere una valutazione (il MIUR in questo caso) non sono affidabili e degni del servizio di collaborazione fornita. La reazione del Prof. Fiocchi è assolutamente compensibile, anzi direi anche troppo tranquilla. Il MIUR si meriterebbe una denuncia per fuoriscita di informazioni riservate. Faccio notare che sull’articolo di Repubblica si riporta che il Prof. Fiocchi ha risposto con una lettera al MIUR spiegando la situazione e perchè quindi rinunciava all’incarico. Decisione molto corretta e impeccabile di chi si vede, tradito nella propria riservatezza, messo nella condizione di non poter più esprimere una valutazione obbiettiva, sia che sia positiva che negativa. Sempre secondo l’articolo di Repubblica dopo un mese il Prof. Fiocchi non riceve risposta e quindi solo allora decide di far conoscere la vicenda alla stampa. SE il MIUR fosse un ente serio (cioè no italiano ahimè) avrebe immediatamente dato orignie ad un’inchiesta interna quanto meno, oltre che una verifica degli eventi denunciati. Ma sempre come si legge dall’articolo si deve aspettare la denincia ai giornali che forse il ministero si muova.

        Vorrei far osservare il pacato comportamento del Prof. Fiocchi che si presta ad una collaborazione con un ente che dimostra di non saperlo rispettare e tutelare, al quale spiega le proprie decisioni e venendo ignorato.

        Dovrebbe un ricercatore rivolgersi alla magistratura investendo ulteriore tempo ed energia, ma per che cosa? Per denunciare un malcostume italiano ben noto? Ma chi glielo fa fare?
        Da chi vive all’interno di questo ambiente vi dico che l’italia è uno schifo di interessi corporativistici e di amicizia, come in tanti altri settori. Solo che qui non c’è la concorenza del mercato che può in qualche modo aiutare a discriminare e qunidi se uno ha gli appoggi giusti può fare quello che vuole. Sicuarmanete l’America ed il mondo anglosassone in genere non son perfetti ma da questo punto di vista sono molto più avanti dell’italia, e certe cose sono molto poco tollerate, e quando vengono fuori dei casi, vi è una reazione del sistema molto forte che fa fuori chi si è approfittato. In Italia invece sappiamo che non è così, e la nostra clase politica ne è un buon esempio.

        Concludo dicendo che l’insinuazione di cattivo maestro sul fattro che il Prof. Fiocchi abbia fatto questa denuncia alla stampa per ottonere notorietà è proprio ridicola… non c’è bisogno di spiegarne le ragioni.

        Un caro saluto. :coffee:

        • Del tutto d’accordo, tranne per due cose.
          Prima: davvero due email e una telefonata (peraltro fatta ad un suo ex-allievo e non a lui) secondo te sono sufficienti per definire un quadro così drastico? A me pare di no. Certo, come ho detto nel post non ha senso che il suo nome sia sfuggito e QUESTO dovrebbe essere oggetto di indagine.
          Seconda: Fiocchi non vive in europa e non paragona l’italia all’europa, ma agli stati uniti, che quanto a raccomandazioni, disinformazione e comportamenti scorretti non sono secondi a nessuno.
          Un saluto a te

          • Per quanto riguarda il primo punto non credo che in questo caso la quantità sia rilevante. Dal momento che il suo nome è uscito fuori, anche con una sola email, la frittata è già fatta. Se per caso aveva già speso del tempo a studiare la documentazione per preparare la sua valutazione, realizza che ha buttato via solo tempo. Penso che girerebbero le palle a chiunque quantomeno. E comunque il punto non è sulla quantità di pressione ma sul fatto che la pressione sia stata fatta. Sul secondo punto riguardante all’America non ho esperienze dirette con l’ambiente americano, solo con quello inglese. Da quello che so comunque l’ambiente della ricerca in America, paese che per moltissime cose non mi piace e di fatti non voglio andare a lavorarci, è piuttosto pulito in quanto le università si fanno una concorrenza spietata sulle pubblicazioni, puntando sulla qualità dei lavori, dei loro ricercatori e professori, perchè questo poi determina il numero di iscrizione in base al ranking che ogni università raggiunge a livello nazionale. E’ un sistema molto duro e molto costoso per gli studenti che non mi sento di condividere in quanto spesso gli studenti devono indebitarsi per pagarsi le tasse niversitarie, ma sicuramente non credo soffra del problema del corporativismo che abbaimo in italia. Personalmente credo che il Prof. Fiocchi abbia fatto bene a denunciare alla stampa quello che gli è successo. Siamo in un epoca in cui l’immagine conta molto… e difatti il ministro Gelmini non ha tardato a reagire. Se poi la cosa si trasformerà in qualcosa di più concreto è tutta un’altra questione.
            Ciao.

            • Io personalmente trovo che i ricercatori se la dovrebbero tirare un po’ meno, piangere un po’ meno e avere un po’ di nerbo in più. Ribadisco: non ritengo che ricevere due email in cui l’autore di un progetto chiede di dare al proprio lavoro il punteggio più alto possibile possa essere considerata pressione.

              Per quanto riguarda l’ambiente universitario non era l’oggetto del contendere, quanto l’ambiente ed il sistema della PA statunitense in paragone a quella italiana. Di questo stiamo parlando: di pubblica amministrazione. Del sistema universitario non so nulla e non era l’oggetto del contendere.

              Gli Stati Uniti hanno le loro uova marce come noi e dunque piantiamola di tirarli in ballo come modello su cose in cui stanno nella merda quanto e più di noi.

              La Gelmini non avrà tardato ad intervenire, ma l’ha fatto solo dopo che la cosa è finita sui giornali. Prima non mi risulta abbia fatto un fiato (sempre secondo la denuncia di Fiocchi, unica fonte a nostra disposizione, per giunta citata su un giornale e non sentita di prima mano)

  • Certo che le cose vanno proprio in modo strano! Tante parole su Fiocchi e nessuno che dice che quelli che hanno fatto pressione sono degli schifosi. Sembra che il mondo giri al contrario! Perche’ fare il processo a Fiocchi anziche’ ai “cattivi”? E’ come se ad un processo per stupro venga inquisita la vittima anziche’ i colpevoli! Anzi, questi stanno passando completamente inosservati, o quanto meno li si sottovaluta. Di questo passo, si perde la voglia di fare quello che si ritiene giusto. Se sei bravo ti tirano le pietre, se sei cattivo… no.

    • Per quanto mi riguarda il motivo è che su questa cosa mi pare che stiano esagerando.
      Ribadisco: due email e una telefonata fatta a un ex-allievo non le considero pressioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate