Almeno Fazio si è convinto: “Influenza A malattia leggera”

suinaChe strano… vuoi vedere che a furia di fare casino almeno uno si è convinto a togliersi dal coro degli apocalittici?

Sull’ANSA, in questo articolo Fazio finalmente ammette che l’influenza porca è “meno grave del previsto” e “non desta particolari preoccupazioni“.

Ma non solo, arriva addirittura ad ammettere che l’influenza stagionale è “marginalmente più grave di quella suina“.

A parte il fatto che mi piacerebbe sapere quel “marginalmente” che cazzo vuol dire, mi pare già un bel passo avanti.

Resta ovviamente un piccolo dubbio: come mai, improvvisamente, dopo mesi di terrorismo mediatico, il governo spunta con una dichiarazione in controtendenza?

Improvvisa crisi di coscienza? O qualcosa gli ha fatto temere di fare la più grossa figura di merda dai tempi di Nixon?

Al momento non ne ho idea. Ma teniamo d’occhio le dichiarazioni dei prossimi giorni, soprattutto da parte della stampa estera. Qualcosa verrà fuori.

Intanto vediamo quale effetto avranno le parole di Fazio sull’attuale clima di allarme.

I media per adesso gli vanno dietro

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

5 Comments

  1. Francesco ha detto:

    “Marginalmente” – trad. it.: avverbio che non vuol dire un cazzo ma distrae da eventuali contraddizioni con quanto precedentemente affermato e lascia un margine per altrettanto eventuali smentite future.

  2. vito ha detto:

    forse non si stanno mettendo d’accordo sulla divisione…… dei vaccini…. :stupid:

  3. Sandro ha detto:

    Mi sembra che fossero tutti pronti per una battuta di caccia grossa e invece si sono trovati di fronte un topolino. Ora vediamo cosa
    faranno… devono pur cacciare qualcosa…

  4. Peppino ha detto:

    E’ tutto deciso a tavolino dalle multinazionali farmaceutiche.
    Gravi malattie = elevati ricavi!

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.