La Luna gioca con la nuvola

Luna che gioca con le nuvoleL’altra notte ho visto la luna giocare con una nuvola.

La nuvola si spostava rapidamente coprendola e poi la luna, levandosi, “sorgeva” da questa in un susseguirsi che sembrava divertire entrambe.

Ognuno di noi spesso gioca a nascondino; con gli altri o con se stesso; con i propri sentimenti: li cela, li trasforma, li plasma.

Questi giochi di luce e buio illuminano solo a tratti la propria notte.

Credendo che la tenebra oscuri il dolore, si vive un difficile equilibrio oscillando fra il bisogno di luce, di verità e la paura di vivere a tinte forti, di vedere.

Non osando sondare nel proprio mare profondo, ma al tempo stesso desiderando vivere emozioni, ci si accontenta di quelle preparate artificialmente da altri; costruite affinché ci si identifichi aderendo a un modello imposto.

Tutto questo può diventare un intricato labirinto nel quale ci si addentra quando si è ancora molto giovani, probabilmente credendo di poter mettere a tacere l’intensità di quella propria forza vitale che nessuno mai ci insegna a considerare come un potenziale da esplorare e sviluppare quanto piuttosto un pericolo da sopprimere.

Col procedere degli anni, si prende sempre più sul serio quel cammino che non ci appartiene.

Si finisce col considerarlo vero e l’unico possibile, mentre il proprio “essere” langue.

La luna invece gioca soltanto e, quando inonda il bosco con i suoi raggi argentati, si può scorgere fra i rami lo sguardo di un animale selvatico che, immobile, ci osserva.

Quello sguardo contiene tutta l’autenticità che in noi è andata perduta, l’antica forza dell’uomo, la bellezza, la passione, la sacralità in ogni gesto, l’esistere qui e ora, la potenza in ogni muscolo, l’attenzione in ogni istante, la percezione di tutto quel che accade fuori e dentro, la calma della notte, l’esistere senza aggiungere ne togliere nulla.

In quello sguardo si può scorgere una scintilla che accenda la passione e infonda un po’ di quella forza da tempo sopita.

La luna procede nel suo cammino, ora il cielo è sgombro di nubi. Un raggio colpisce anche me e suscita un dubbio:

io chi sono?

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

2 Comments

  1. Giuseppe ha detto:

    Io chi sono? Domanda da un milione di dollari. Chi risponde si frega con le proprie mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *