Influenza suina: profezie dell’OMS e Sindrome da Distress Respiratorio.

sferacristalloE si, voi non lo sapete, ma all’OMS c’è una sezione chiamata “Facoltà Divinatorie Speciali”, della quale fanno parte alcuni esseri umani dotati della possibilità di prevedere il futuro.

Facili battute a parte, non vedo in quale altro modo giustificare il fatto che l’OMS diffonda notizie come quelle riportate dal Corriere in questo articolo, in cui PREVEDE che il virus dell’influenza porcina si evolverà in una tipologia molto più aggressiva che colpirà direttamente i polmoni in soggetti sani e giovani.

Oltretutto se questo avverrà, ciò significa che il virus sarà mutato e quindi voglio proprio vedere come faranno a dire che il vaccino prodotto prima della mutazione è ancora adatto.

Però… però potrebbe esserci in realtà un’altra spiegazione. Ovvero che all’OMS qualcuno sappia molto più di quello che dice e che il virus H1N1 sia qualcosa che non è esattamente quello che ci hanno detto finora.

A questo punto mi tornerebbero molte ipotesi come quella che il virus sia stato prodotto in laboratorio con uno scopo preciso e che poi sia stato diffuso intenzionalmente.

Ma c’è altro da dire.

Infatti il Corriere ci mette del suo, come in questo articolo, in cui mette un bell’accentone sul giovane di 24 anni ricoverato in gravi condizioni a Monza, colpito da Sindrome da Distress Respiratorio dell’Adulto.

A parte il fatto che questa sindrome è una delle possibili problematiche gravi che possono insorgere anche in una normale influenza stagionale, con la stessa percentuale (molto bassa) di possibilità, sarebbe meglio chiarire che un quadro come quello dell ASDR non può essere considerato come conseguenza diretta del virus, dato che molto spesso questa problematica si presenta anche a seguito di traumi esterni (come in alcuni casi gravi di incidenti stradali) o interni (come infezioni batteriche che non colpiscono il polmone, sepsi e altro).

La ASDR è una sorta di reazione anomala del tessuto polmonare che improvvisamente inizia a cambiare la propria natura e quindi a non poter svolgere le normali funzioni respiratorie.

Ma lo fa come reazione a qualcos’altro, non perchè un virus produce questo effetto.

Quindi è inutile che i giornali tentino di fregare la gente strumentalizzando la sfortuna di questo ragazzo che sta veramente rischiando la vita.

E’ vergognoso, sempre più vergognoso il modo in cui l’informazione di stato tratta la verità: ovvero come una puttana di basso rango in vendita al miglior offerente!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

2 Comments

  1. Lauretta ha detto:

    Le notizie sono tante e confuse, per noi è difficile essere garanti della salute di che si affida a noi sulla base dei dati che ci vengono forniti.
    I virologi “superesperti” sostengono che la gravità della nuova influenza è dovuta alla possibile alta diffusibilità del virus (questo dato è emerso in seguito allo studio del virus) e dal fatto che potrebbe ricombinarsi con il virus dell’Aviaria.
    Quest’ ultimo, endemico ancora in molte zone, è molto aggressivo ma è tenuto circoscritto grazie a severi controlli veterinari che prevedono l’ abbattimento immediato degli animali in presenza di un nuovo caso, almeno così dicono.
    Inoltre i politici potrebbero essere preoccupati per i possibili risvolti economici qualora si manifestasse una malattia, anche non grave, che potrebbe coinvolgere contemporaneamente un gran numero di persone.
    Al momento non ci resta altro che aspettare e vedere cosa succederà.
    Intanto non si tengono più in osservazione i familiari dei malati nè vengono fatti i tests diagnostici ai sospetti; dovremmo solo segnalare i casi sospetti……ma quali? Il 90% dei bambini che visito ogni giorno potrebbero essere casi sospetti!

    • franz ha detto:

      E non è un problema da poco… in UK hanno istituito un numero verde per dare consigli sulla suina.
      Una ragazzina è morta perche l’operatore ha consigliato di stare a casa a riposo ma quella aveva la meningite e ci è rimasta secca!

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.