Un oceano d’amore.

Il desiderio è amoreDesiderio e oggetto dello stesso. Desiderare l’oggetto del desiderio non è che un atto figlio di qualcos’altro. Una sorta di “riduzione” materiale di qualcosa che muove pienamente tutto l’universo.

Se il desiderante riconosce una separazione dal desiderato, non vuol forse dire che è in qualche modo cosciente di una precedente condizione di unicità?

Altrimenti come potrebbe sentirsi separato? Se una cosa non è stata intera, come può accorgersi di non esserlo più?Il riconoscimento della separazione non è altro che il figlio, il frutto dimentico di una condizione di unità.

E il desiderio di quacosa a questo punto non può essere altro che la cieca conoscenza dell’unità tra desiderante e oggetto del desiderio.

Dal vuoto esso proviene. Quando il vuoto rivela se’ stesso con lo stesso atto illumina il desiderio, togliendogli l’oggetto su cui posarsi.

Perchè il desiderio altro non è che amore.

Un oceano d’amore.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

6 Comments

  1. […] Read the original:  Franz's Blog > Un oceano d'amore. […]

  2. Giuseppe ha detto:

    Molto bella questa riflessione sul desiderio, sulla mancanza, sul vuoto e sull’amore.

  3. primularossa ha detto:

    Touche…

  4. franco magnani ha detto:

    però resta un’inculata lo stesso

  5. franco magnani ha detto:

    ma no, ma no. Poesia: I’illusione

    Perdere qualcosa che tanto perder non si può
    ecco l’illusione che qualcuno qui cantò.

    Poesia secondo me sintetizzante del nucleo filosofico precedentemente esposto, una sorta di corredo in versi.

    • Franz ha detto:

      Non solo di quello qui si canta
      ma di ciò che dopo l’illusione
      resta all’uomo che non s’incanta
      se non desia far la fine del coglione!
      :kissmyass2:

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.