Tutto è nel particolare.

Tutto è nel particolareTutto è nel particolare. Questa frase mi è tornata in mente leggendo il bel post di Cathe “Trattarsi come un ospite”.

La prima volta che l’ho sentita avevo quindici anni. Era un periodo un po’ strano che definirei magico.

Per qualche settimana, quasi tutte le notti, sognai un vecchio, che mi parlava fino all’alba.

Cose interessanti diceva quell’uomo. Cose che ricordo molto bene a distanza di anni e che ancora oggi, di tanto in tanto, rivelano un aspetto nascosto.

Una delle notti che ricordo con più piacere, fu anche la penultima. Quella volta il vecchio si presentò in modo strano; invece di stare seduto davanti a me, con i gomiti appoggiati ad un umilissimo tavolo di legno, si presentò come una sorta di icona, in alto a sinistra nello schermo nero dei miei occhi chiusi.

“Questa notte ho bisogno di spazio per i tuoi occhi. Devo farti vedere molte cose scritte e ho bisogno della lavagna pulita. Io sarò sempre qui dove mi vedi adesso ma tu occupati solo di ascoltare e di osservare con attenzione quello che viene scritto e disegnato davanti a te”.

Subito dopo quell’uomo si lanciò in una serratissima disquisizione matematico-filosofico-fisica sulla struttura energetica intrinseca della materia, mentre davanti ai miei occhi si disegnavano diagrammi estremamente complessi.

Quella specie di lectio magistralis si protrasse per tutta la durata della notte. Ancora oggi la ricordo quasi tutta ma preferisco tenerne gran parte per me. Quello che però posso dire è che alla fine di tutto il discorso, la conclusione fu:

“Tutto è nel particolare. Non gli occhi ti serviranno. Ma una mente sincera che dovrai conquistare. E il respiro; perchè se vorrai veramente vedere le cose, non dovrai guardarle ma respirarle”

E’ passato molto tempo da quel momento ma ancora il vizio di respirare la vita non l’ho perso! Solo la mente sincera fa difetto.

Ma ci sto lavorando.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

18 Comments

  1. the_highlander ha detto:

    grazie franz. Penso non serva aggiungere altro

  2. Giuseppe ha detto:

    Mi dispiace per quelli che pensano che i blog servano solo a dire ciancianate. Il tuo, invece, dimostra chiaramente il contrario. Grazie Franz.

  3. Ashtar ha detto:

    Franz, sono veramente contento di aver “scoperto” questo blog…
    Le cose che dici mi fanno PENSARE.
    Quale miglior antidoto contro la omologazione di cervelli inebetiti e pensieri vuoti come uova di cioccolato?!
    Many many thanks!! :beer: :beer: :smirk:

  4. giuggiola ha detto:

    …..bellissima frase…anch’io ti ringrazio…anche se questo post lascia un po’ di domande…..

  5. triani ha detto:

    ma dopo l’hai incontrato dal vivo quest’uomo?

  6. Fede ha detto:

    …magari l’hai incontrato senza che lui si svelasse a te: ti disse il suo nome?

  7. primularossa ha detto:

    Grazie!

  8. carla maria casini ha detto:

    LO LEGGO ORA PER LA PRIMA VOLTA, CHE PRIVILEGIO HAI AVUTO! QUESTI SONO I TESORI DELLA VITA, INDISSOLUBILI, INDISTRUTTIBILI, CHE I LADRI NON RUBANO E LE TIGNE NON CONSUMANO GRAZIE CARO

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.