Bimba di 9 anni violentata e uccisa. E il colpevole (reo confesso) è ancora vivo…

corinna-140x180Lo leggo sul corriere di ieri. La bambina aveva 9 anni. E’ stata rapita, violentata e uccisa da uno schifoso figlio di puttana che ha pure confessato.

Ma il bastardo è agli arresti in carcere.

Io penso invece che quest’uomo dovrebbe essere abbattuto come il cane rabbioso che è. Solo più lentamente.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

15 Comments

  1. Federico ha detto:

    Io non sono d’accordo con te, Franz.
    Credo che lo Stato debba sanzionare i reati, non essere esecutore materiale di vendette.

    Se questo tizio lo avessi tra le mani, lo ucciderei con la bic che ho qui davanti.

    Ma non può farlo lo Stato.

    • franz ha detto:

      Sono perfettamente d’accordo con te. In questo caso io non pensavo a una vendetta, quanto a togliere dalla faccia della terra un animale pericoloso per tutti.
      Purtroppo però poi il confine sarebbe troppo difficile da tracciare e si andrebbe a finire indubitabilmente dalla parte della tirannide e dell’omicidio.

      • Valeria ha detto:

        Sono d’accordo con Federico e con lo stesso commento di Franz.
        Inoltre, uccidendolo, se esiste la vita dopo la morte quello si porterà appresso la stessa lordura e non avrà capito un accidente di niente. Se invece dopo c’è soltanto l’oblio gli si farebbe perfino un favore.
        Credo invece che lo si dovrebbe mettere a spaccare pietre per tutta la vita, per ore e ore al giorno, con il caldo cocente e con il gelo, metterlo di fronte a se stesso nella fatica e nel disagio fisico.
        Ucciderlo gratifica il nostro bisogno di vendetta (che c’è tutto, non c’è dubbio…) ma secondo me non è utile neppure come deterrente. Quel genere di animali a due zampe non si ferma per paura della pena di morte

  2. Franz II ha detto:

    Franz, mi meraviglio di te, ti consiglio di leggere qualche libro del Beccaria per rivedere le tue idee… 🙂 Ricorda infine che tutto e’ impersonale, non esiste un vero esecutore dell’azione, per quanto spietato e criminale possa essere. Bene e Male sono insiti nella Totalita’, quindi da quache parte nell’universo un frammento di negativita’ ci sara’ sempre. Purtroppo la realta’ e’ questa e bisogna accettarla come tale.

    Ti saluto.

    • franz ha detto:

      Ebbè dai… un momento di giramento di palle concedimelo ognquandunque :))))
      E comunque non c’entra la vendetta, ripeto.
      Come disse quel tale
      “Nulla di personale, solo una questione di business”
      Uno così va tolto di mezzo, semplicemente per preservare la vita degli altri esseri umani.
      Poi che lo si possa eliminare fisicamente o mantenere a vita in un carcere facendolo lavorare in qualche modo per pagare il proprio mantenimento è solo un dettaglio operativo.
      Personalmente rimango per l’eliminazione fisica.
      Se dall’altra parte come dice Valeria c’è qualcosa, ho il serio sospetto che non sarebbero tanto teneri neppure lì. Se non c’è nulla, il problema è comunque risolto nella massima economia possibile.

      • Valeria ha detto:

        Ciao Franz, ma chi è Franz II? La tua coscenza??? :oogle:
        Beh, Franz II non ha tutti i torti ma nel leggere di tali bestialità si, ammetto che il desiderio di eliminazione, ma proprio di cancellazione dalla faccia della terra, del sistema solare e dell’intero universo è molto forte. Fosse così semplice!

  3. Fede ha detto:

    In carcere conviene non aver fatto male a donne e bambini, sennò…

    • franz ha detto:

      Yeah! :pity:

    • Sting ha detto:

      Appunto!
      Concordo con Franz (ma ora devo chiamarti Franz I°??) che l’eliminazione fisica è la soluzione più rapida ed economica, ma vogliamo dare a questa bestia un’occasione per realizzare la bestialità che ha commesso?
      E allora ben venga il carcere, ma a condizione che il reo venga brutalizzato ad intervalli regolari; prima e dopo i pasti…
      Magari poi capisce, e se non capisce.. cazzi suoi!!

  4. antonio ha detto:

    Se un uomo ed una donna ti danno la vita dunque la possono anche togliere quando si passa il limite. Non mettete in mezzo Dio, che forse nemmeno esiste. Se qualcuno violenta ed uccide mia figlia io violento ed uccido lui, punto e basta.

    Potete anche dire che sono una bestia, ma non mi interessa.

    E così faccio anche un favore alla società.

    • Franz ha detto:

      Quoto. Magari lo faccio violentare da qualcun altro perchè a me fa un po’ schifo l’idea… :beer:

    • Federico ha detto:

      Io farei peggio di te, Antonio.
      Mi comprerei un libro sulle torture medievali, credo.

      Quello che dico è che non dovrebbe farlo lo Stato.

      Un uomo ed una donna ti hanno dato la vita ed IO te la tolgo. Ma non la Legge, che dovrebbe essere espressione di civiltà.

  5. pazzatoio ha detto:

    mi limiterei a metterlo in cella con delinquenti comuni… e non in isolamento , visto che di solito queste mmerde devono anche essere protetti… il resto lo fa la ‘giustizia’ interna del carcere…. e ti posso assicurare che a modo suo è molto più giusta ed efficace di quella convenzionale….

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.