Influenza suina. Ci siamo: in svizzera probabile vaccinazione obbligatoria di massa, con l’aiuto dell’esercito!

o ti vaccini o vai dentro?L’articolo originale è in inglese: lo trovate qui.
Ve lo traduco in parte:

“L’esercito in svizzera sta iniziando ad accaparrare scorte di vaccino antinfluenzale contro l’influenza suina in vista di una vaccinazione di massa della popolazione elvetica in autunno, secondo un articolo del Basler Zeitung.

L’esercito svizzero ha ricevuto il primo invio su un totale di 16 milioni di dosi di vaccino, oltre ad aghi e siringhe per la vaccinazione forzata in due dosi, pena la galera.

Thomas Meister, capo del dipartimento prodotti e tecnologie farmaceutiche dell’esercito ha detto alla televisione USA che i vaccini provengono da Stati Uniti, germania e Spagna, ma non è chiaro quali industrie farmaceutiche li abbiano venduti e nemmeno se la Baxter sia una di esse.

Non è nemmeno chiaro se i vaccini abbiano passato i trial clinici di sicurezza o anche solo un qualsiasi test di sicurezza.

Il ministro della sanità svizzero ha ordinato all’esercito di acquistare i vaccini in vista del piano di vaccinazione mondiale come da istruzioni dell’OMS.”

Un ringraziamento a Alba Kan dal Blog “Voci dalla strada” che per prima ha scovato la notizia.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

5 Comments

  1. sytry82 ha detto:

    Io comincio già a grugnire!

  2. Bill ha detto:

    Riporto quello che ho avuto modo di scrivere in altri blog

    Il post in questione è pieno di affermazioni inesatte, frutto probabilmente di una traduzione approssimativa (non dell’articolo di birdflu666.wordpress.com, bensì di quello del Basler Zeitung che il sito sopracitato utilizza come fonte).
    Per prima cosa la consegna non riguarda la consegna di dosi di vaccino e di aghi, ma solo di siringhe e aghi. Di conseguenza non sono i vaccini a provenire da Spagna, USA e Germania ma solo le siringhe. Le dosi di vaccino arriverano solo in autunno.
    Non c’è nessun accenno all’utilizzo di metodi coercitivi per la vaccinazione.

    Per quanto riguarda i piani di vaccinazione obbligatoria, nell’articolo c’è scritto che è competenza dei Cantoni allestire appositi luoghi di vaccinazione, ma non c’è nessun riferimento a “determinati orari per farsi vaccinare” o a fantomatici piani di incarceramento.

    L’articolo poi prosegue spiegando che le vaccinazioni saranno gratis e che ancora non è stato deciso se ad assumersi i costi saranno le Krankencasse (letteralmente casse malati) o lo Stato. Il paragrafo riguardante la polizia locale, le telefonate, ecc. non sono citate da nessuna parte.

    La fonte inglese è quindi totalmente inaffidabile, la traduzione pessima e le affermazioni totalmente inesatte. Capisco che il tedesco è una lingua ostica, ma sarebbe bastato informarsi su come sono strutturate le istituzioni svizzere per scoprire che questo articolo è una bufala.
    Se l’autore del blog desidera una traduzione integrale dell’articolo in tedesco sono a disposizione.

    Bill

    • Franz ha detto:

      Caro Bill, oltre a ringraziarti per le precisazioni, che non ti nascondo mi sollevano parecchio, mi farebbe davvero piacere quella traduzione, sempre che per te non sia troppo disturbo.
      Di nuovo grazie!

  3. Bill ha detto:

    Ciao Franz,
    per comodità ti invito a cliccare sul link di “voci dalla strada”, che hai inserito nel tuo post, in quel blog c’è stata una piccola discussione sull’argomento e fra i commenti puoi trovare la traduzione integrale dell’articolo del Basler Zeitung e pure un documento dell’Ufficio federale della sanità pubblica, riguardo alle vaccinazioni.
    Buona serata!

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.