Il Papa operato al polso: ma chi se ne frega?

frattura-del-polsoSono le 2 del pomeriggio di venerdì 17 e la data non fa presagire nulla di buono. Do infatti un occhiata alle notizie sul sito del Corriere e poi della Repubblica, e cosa mi trovo? La sfiga colpisce il pontefice e in entrambi i siti, come prima notizia, quella del Papa che cadendo in casa si à fatto una frattura a polso per il quale è stato operato, un semplice intervento in anestesia locale.

Ma dico io, è possibile che due giornali fondamentali nel nostro paese come “La Repubblica” ed “Il Corriere”, capirei l’Avvenire, debbano dare così tanto risalto ad una notizia così inutile, che alla fine non è molto diversa da un gossip?In Italia ogni giorno qualcuno cade e si fa male, molto più seriamente del papa in questo caso, e non guadagna certo il primo titolo nei siti dei maggiori quotidiani italiani. Si dirà che non è il Papa, ma il punto è proprio questo. Perché in questo cazzo di paese ogni minima scoreggia che il papa fa deve ricevere tutta questa attenzione, da giornali poi che non dovrebbero essere direttamente collegati alla Chiesa?

Che la notizia venga riportata è comprensibile, ma che sia il primo titolo delle maggiori testate giornalistiche secondo me sfiora il ridicolo, e irrita alquanto se ci si rende conto di quanto l’Italia dipenda negativamente da questa istituzione, che è spesso portatrice, come in passato, di posizioni conservatrici che vanno contro la libertà delle persone.

Chi vive in Italia ci ha fatto l’abitudine, sentendo quasi giornalmente cosa pensa il papa su ogni cosa, e non ci si fa più caso, come se la cosa fosse scontata. Tutto questo però influenza moltissimo la nostra vita politica e sociale. All’estero ci osservano e si rendono perfettamente conto di quanto sia anomalo di questi tempi che un’istituzione religiosa abbia così tanta influenza sulla vita politica e sociale di un paese. Un altro motivo in più per il quale il nostro paese, tanto ammirato per la cultura, la bella vita, è un considerato un po’… pittoresco!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.