Un movimento dentro l'altro. Una storia vera. - Franz's Blog

Un movimento dentro l’altro. Una storia vera.

Potete ascoltare o scaricare il podcast direttamente qui sotto

“Un movimento dentro l’altro”.

Questo mi disse allora il minuscolo (fisicamente) Tada Hiroshi, mentre cercavo inutilmente di proiettarlo in una tecnica chiamata “Udekimenage”.

Difficile per un ragazzino capire cosa intendesse quel dannato giapponesino, eppure la differenza tra i suoi movimenti e i miei non era difficile da cogliere; più o meno la stessa che si può trovare tra quelli di un papero e quelli di Nureyev.

Quale che fosse il segreto, allora mi sfuggiva.

Esiste un “Tai Sabaki”, un passo di base, nell’aikido che consiste nel fare un passo avanti con un piede e usarlo come perno per girargli attorno con l’altro, come un compasso. Una stronzata di movimento che però, guarda caso, ti fa sembrare appunto un papero fino a che non trovi un equilibrio. Si chiama Irimi Ten Kan.

Un giorno ero nel dojo di Roma che mi esercitavo in quel malefico movimento. Non riuscivo mai ad arrivare alla fine con il controllo che richiede questo passo e la cosa mi procurava non poca incazzatura, anche perchè lo stesso è un passo di base in quasi tutte le tecniche di Aikido e fare un errore in quello significa sbagliare tutte le tecniche che lo contengono.

Insomma, per farla breve, ero lì che smadonnavo dentro di me, quando improvvisamente una parte del mio cervello del tutto fuori controllo mi sussurrò all’orecchio:

Irimi Ten Kan unisce il cielo con la terra

Sentii qualcosa sciogliersi al mio interno, come se del cioccolato caldo scivolasse via dalla mia pelle. Il successivo Irimi Ten Kan mi vide atterrare sul piede finale con un equilibrio perfetto. Mi sentivo come se neppure un rinoceronte in corsa avrebbe potuto spostarmi.

Kokyu nageRipetei quel passo centinaia di volte e ad ogni rotazione quella frase mi lampeggiava da sola  nel cervello: Unisce il cielo con la terra.

Iniziai a sentirmi leggero, gioioso, mentre una forte sensazione di calore si allargava dal cuore per diffondersi a tutto il corpo. Ad un certo punto mi accorsi che c’era qualcosa di strano. Mi guardai attorno: era sceso il buio nel dojo: ero andato avanti tutto il giorno in quel movimento. Avevo appuntamento a cena proprio con Tada e non è una di quelle occasioni a cui puoi aver voglia di mancare, così mi precipitai sotto la doccia e andai al ristorante di corsa.

Tada era in piedi davanti alla pizzeria che mi aspettava. Quando mi vide però, invece di bestemmiare com’era suo solito con i ritardatari, mi guardò fisso negli  occhi.

“Tu scoperto qualcosa oggi!” (parlava un italiano stentato e i verbi non erano il suo forte)

Poi senza esitazione si arrampicò sulla 127 dicendo solo:

“Vieni. Noi torna Dojo!” Niente da fare, parlava proprio come Miaji in Karate Kid, e sembrava anche divertirsi nel farlo.

Dieci minuti dopo eravamo nel Dojo io e lui. Alcune applique alle pareti diradavano appena le ombre sul tatami.

“Io sa cosa tu scoperto. Proviamo tecniche di proiezione”

Rimasi basito. Avevo allenato solo quel particolare passo tutto il giorno, non altro. Glielo dissi, ma lui per tutta risposta mi si avvicinò con quel suo passo che sembrava in qualche modo planare sul terreno e mi prese delicatamente un polso.

“Prova” disse solo.

E io provai. La tecnica riuscì perfettamente e lui se ne volò via come il fuscello di uomo che era. Eseguì un’elegante quanto silenziosa caduta in avanti (si sentì a malapena il frusciare dell’hakama sul tatami) e poi tornò all’attacco, con più velocità questa volta.

Ancora lo proiettai e ancora lui tornò all’attacco.

Andammo avanti così per un po’, lui che cambiava attacco e io che cambiavo proiezione. Poi, ancora una volta, accadde qualcosa che ancora oggi diffcilmente potrei spiegare. Ad un certo punto si stabilì un ritmo nei nostri movimenti.

Nulla di regolare ma era indiscutibilmente un ritmo.

E la tecnica cessò di essere tale.

Rimase  solo movimento. Un movimento dentro l’altro.

Commenta con il tuo nome Facebook

9 risposte a Un movimento dentro l’altro. Una storia vera.

  • Insomma: meglio non farti incakkiare… :cuss: :cuss:

  • Ci sono cose che non si spiegano … come la saggezza. Bisogna viverle e basta.

  • ciao..
    un racconto speciale e denso di significato il tuo. molto bello. nelle vere arti corporee (che siano marziali, o di danza o di altro contesto performativo..) “un” dettaglio solo, uno solo (che sia fisico o psicologico è indifferente..ad un certo punto è la stessa cosa..) può rivelare un mondo!…in questo senso il corpo è un maestro impietoso e severo. Mi è successo qualche volta che, in una forma di kung fu, la scoperta di piccolissimi dettagli fisici aprisse squarci assolutamente insperati;….e certe cose assolutamente incomprensibili prima, tutt’un tratto rivelassero una sapienza e una oggettività straodinarie!…un dettaglio, uno solo e una forma diventa un circuito elettrico che veicola energie specifiche! e lì scatta la gratitudine verso chi ha creato quelle forme…scoprendo (non si sa come)qualcosa di oggettivo che funziona centinaia di anni dopo per italiano urbano e metropolitano. ciao

    • Ciao Roberto, grazie del commento e del passaggio. Ti ho letto anche altrove e trovo le tue parole sempre particolari.

      Buon fine settimana!

  • grazie a te, e ricambio sinceramente. sto leggendo con gusto i tuoi post.. non sono molti i blog dove si discute di argomenti che possono aprire prospettive inedite.
    leggendo la tua esperienza nell’aikido, mi viene in mente una mia “scoperta” recente (chiaramente scoperta per me..assolutamente prevista e codificata per chi ha un minimo di esperienza) su un esercizio cinese classico, il “palo eretto” o esercizio “dell’albero” (zhan zhuang), che consiste “semplicemente” nello stare immobili in piedi con piedi ben piantati, ginocchie leggermente flesse, schiena dritta e occhi chiusi…se si sopravvive a 20 minuti di tensioni croniche che esplodono , di mente che divaga, di voglia scappare e altro ancora.., ad un certo punto può accadere che ci sia un giro di boa…come quando l’acqua, dopo tot minuti, va in ebollizione… allora si ha la sensazione come di scioglimento..e di scarico nel terreno o di fusione con l’ambiente ..ci si sente sospesi “tra cielo e terra”…Qui finiscono le mie sensazioni, lo studio poi prevede il movimento che tende a fondersi con quello dell’avversario…”proprio un movimento dentro l’altro”..ma io son bel lontano da questo. La tua esperienza mi ha fatto “risuonare”. ciao e buon sabato/domenica pure a te!

  • ooopss..scritto di fretta e partito post prima del tempo..vabò..mi scuso delle sgrammaticature, ma il senso quello è. ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate