Il comune di Milano cancella la commissione antimafia. Perchè?

il-padrinoGrazie a Primularossa per la segnalazione. Leggo su questo artic0lo del corriere che il comune di Milano ha cancellato ieri la commissione incaricata di vigilare su possibile ingerenze mafiose nell’ambito di Expo 2015.

Questa commissione sembra fosse completamente delegittimata, dato che non aveva nessun reale potere d’indagine.  Prefetto, questore e magistratura non hanno avuto infatti nessuna partecipazione all’interno.

Ora però mi chiedo: se si mette in piedi una commissione e poi non le si danno i poteri inerenti il suo mandato, cosa la si crea a fare? E perchè una volta creata, il prefetto stesso la definisce illegittima togliendole ogni senso?

Ma il vero problema non è solo questo, che potrebbe avere comunque un senso. Quello che mi chiedo, il dubbio che mi sono fatto venire, è:

perchè invece di cancellarla non le sono stati attribuiti gli opportuni poteri?

Questo credo sia il vero problema. Che un affaire come quello di Expo 2015, con gli appalti milionari che lo contraddistinguono, possa essere un ovvio punto d’attrazione e confluenza di interferenze criminali non credo sia un segreto per nessuno.

E allora perchè mettere in piedi una commissione senza alcun potere per poi addirittura eliminarla, anzi che, come mi verrebbe naturale pensare, metterne in piedi una legittima che potrebbe essere un efficace strumento di prevenzione?

Mah… chissà!!!

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

1 Comment

  1. Sting ha detto:

    Tempo fa il grande gremlin della politica (Andreotti), affermò che la mafia non esiste; poi lo fotografarono mentre limonava con Riina… ma fu assolto. Baciò un Padrino, mica un mafioso. In effetti è tutta una grande famiglia.
    Oggi le varie mafie muovono flussi di denaro superiori ai Pil degli Stati.. E’ business, non mafia. E quindi perchè bloccare uno dagli ultimi settori produttivi?
    Come? perchè fa guadagnare pochissimi a scapito di tantissimi? Bé, quel che conta è stare tra quelli che guadagnano, no?

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.