Terremoto in abruzzo: era più forte di quanto detto, ma così pagano di meno!

sismogramma_iLeggo questo post sul blog di Gisella una notizia di tutto rispetto

In tutto il mondo l’intensità del terremoto in Abruzzo è stata definita in 6.3 gradi Richter. In Italia “appena” 5.8. 

Indovina un po’ perchè?

Perchè fino al 6° grado il risarcimento statale, per legge, è del 30%. Oltre, deve essere del 100%. 

Leggete il post di Gisella. Merita! Come il resto del blog, del resto…

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

8 Comments

  1. Umberto Veronesi ha detto:

    Incredibile. Franz, ho letto il post di Gisella. E c’è gente che se la prende con lei in quanto sostiene che siano notizie non fondate. Eppure non ci vuole molto a rendersi conto che sono più che fondate.
    El Pais (spagna) parla di 6,3 .
    Il New York Times (USA) parla di 6,3
    Il Times (UK) parla di 6,3
    E in Italia?
    Corriere della Sera 5,8
    Repubblica 5,8
    Per par condicio, Unità 5,8
    Libero 5,8
    A onor del vero, la scala di movimento sismico (MMS) entrata in vigore negli anni ’70 come aggiornamento della scala Richter, modifica in parte i valori, per cui, a detta de “Il Giornale” del 07 aprile, 6,2 gradi MMS corrispondono a 5,8 Richter. Peccato che la stampa italiana e quella straniera parlassero della stessa unità di misura: Richter, per cui non funziona lo stesso. E c’è chi se la prende con Gisella perchè ne parla… Mi porto dietro la mia valigia di perplessità.

  2. gisa ha detto:

    Un grazie immenso, caro Francesco..e complimenti per lo splendido blog.
    Un abrazone
    Gisa

  3. sytry82 ha detto:

    Pensiamo a quei clandestini lasciati al largo tra Malta e l’Italia … prima che la stampa si accorgesse di loro, lo Stato non fece niente per loro e li lasciarono a loro stessi … sembra un episodio separato ma non lo è affatto … c’è un denominatore comune, e questo denominatore si chiama business.

  4. Umberto Veronesi ha detto:

    Sì, ma non confondiamo le cose: falsificare i dati per evitare un esborso previsto dalle norme è una cosa, non permettere che chi non ha i requisiti di legge per varcare le frontiere lo faccia è un’altra. Nel primo caso lo Stato va contro le norme, nel secondo le fa rispettare. Poi le valutazioni morali le lascio a chi ritiene di essere nella posizione per farle.

  5. gisa ha detto:

    Ciao Francesco…abbiamo racimolato una prima vittoria!!! Grazie infinite anche e soprattutto a te! 😉
    http://www.repubblica.it/2009/05/sezioni/cronaca/sisma-aquila-10/cronaca-13mag/cronaca-13mag.html

    • Franz ha detto:

      Che bella notizia! Ho letto e quasi non credevo ai miei occhi. Comunque non mi pare di aver fatto granche, dai… ciao e grazie per l’aggiornamento che in questi giorni mi fa veramente piacere.
      Ci si legge in giro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *