I pericoli dei social networks: ingegneria sociale, dati personali

socialNel film “Point Break”, Keanu Reeves, per entrare in contatto con Patrick Schwayze, sfrutta un semplice principio di ingegneria sociale; accertato che una certa ragazza è amica di Schwayze, cerca nel suo passato in rete e, scoperto che i suoi genitori sono morti in un incidente aereo, si inventa una storia parallela, grazie alla quale riesce a convincere la ragazza a insegnargli il surf, e ad entrare così in contatto con il proprio bersaglio.

Come si legge in questo articolo di Paolo Raviola, l’unico vero scopo di esistenza in vita dei vari Social Network, i cui costi di gestione sono stellari, è quello di raccogliere dati sugli utenti, in modo da costruire banche dati da vendere al miglior offerente, a prezzi vari a seconda del livello di dettaglio delle identità.

kevinTramite un semplice incrocio di dati, nell’ 88% dei casi è possibile risalire alla vera identità degli utenti e ad un’impressionante profondità nella conoscenza dei loro parametri comportamentali,  quale il credo religioso, la tendenza politica, i gusti sessuali e altro, rendendo possibile l’invio mirato di qualsiasi cosa.

Uno dei sistemi più facili per operare in questo modo è la costruzione di false identità, cosa resa molto semplice dal fatto che l’organizzazione stessa del social network si basa sulla differita delle comunicazioni. Non è così difficile inventarsi un personaggio ed entrare in contatto con chicchessia. Il resto viene da sè; chi si mette in vetrina su un Social Network VUOLE farsi conoscere, e quindi tenderà a parlare di sè e a fornire molte indicazioni sulle proprie idee e sulla propria persona

Il che non è necessariamente un male, ma quando quelle indicazioni finiscono in un database e danno la possibilità non voluta di andare ad aspettare l’utente sotto casa sua, allora possono rappresentare un potenziale pericolo.

Pericolo che diventa reale nel momento in cui le stesse informazioni vengono condivise e messe in relazione con altre, generando quadri e definendo situazioni e relazioni interpersonali senza alcun controllo.

Condividi
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

6 Comments

  1. io ha detto:

    I social network salveranno il mondo……

  2. sasuke ha detto:

    per la serie ci stanno fottendo sempre di più….

    http://www.ossblog.it/post/4927/facebootk-adotta-openid

  3. […] E’ fraudolento celebrare la rivoluzione tacendo che siamo soggetti ancora alle regole del mondo fisico, nasciamo, cresciamo e muoriamo secondo leggi che non abbiamo ancora scoperto del tutto. Ma soprattutto è fraduolento tacere che, nello scambio della piazza fisica con la piazza virtuale, abbiamo perso non solo il contatto faccia a faccia, ma anche la riservatezza delle nostre conversazioni e dei nostri dati personali, come ben spiega Franz in un illuminante articolo. […]

  4. […] E’ fraudolento celebrare la rivoluzione tacendo che siamo soggetti ancora alle regole del mondo fisico, nasciamo, cresciamo e moriamo secondo leggi che non abbiamo ancora scoperto del tutto. Ma soprattutto è fraduolento tacere che, nello scambio della piazza fisica con la piazza virtuale, abbiamo perso non solo il contatto faccia a faccia, ma anche la riservatezza delle nostre conversazioni e dei nostri dati personali, come ben spiega Franz in un illuminante articolo. […]

  5. […] E’ fraudolento celebrare la rivoluzione tacendo che siamo soggetti ancora alle regole del mondo fisico, nasciamo, cresciamo e moriamo secondo leggi che non abbiamo ancora scoperto del tutto. Ma soprattutto è fraduolento tacere che, nello scambio della piazza fisica con la piazza virtuale, abbiamo perso non solo il contatto faccia a faccia, ma anche la riservatezza delle nostre conversazioni e dei nostri dati personali, come ben spiega Franz in un illuminante articolo. […]

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.