Vuoto e Forma. By Ilia

24b6575b76e36b95c5c8b07c27b9dafa1

A volte la vita ci mette alla prova ponendoci in situazioni in cui, per essere veramente onesti, dobbiamo fare delle scelte difficili, decisamente controcorrente.

Situazioni in cui l’ emotivo si ribella e la mente, sempre duale, non trova una soluzione, perché il compromesso sarebbe una menzogna. Cerchi di fare di tutto per raccontartela e sentirti legittimato a fare la scelta più comoda, ma non ce la fai, perché qualcosa al tuo interno, che ti chiede di essere onesto fino in fondo, si fa sentire e ti dice che così non va, non funziona, è solo un escamotage per rimandare.

Accade a volte di dover rinunciare a qualcosa di speciale che ti sta a cuore, che sebbene per molti aspetti ti riempie la vita, nel tempo diventi consapevole che non può funzionare. Succede quando un rapporto, sebbene caratterizzato da grande passione e intensità, non abbia lo stesso desiderio su come e perché stare insieme, non vi sia sintonia sugli obbiettivi nella vita.

Nasce quindi sempre di più la consapevolezza di dover fare ancora altre esperienze prima di sentirsi pronto a darsi ad una donna in maniera totale, donarsi al punto tale da fare di tutto per rendere l’altro felice, anche a rinunciando a se stessi. Vi è la necessità di avere tempo e spazio affinché alcuni lati della propria personalità possano compiersi, armonizzandosi ad un sentire più interno che sempre di più cerchi di ascoltare e conoscere.

Ed infatti il mio trasferimento all’estero per lavoro, attratto non solo dalla carriera, ma anche da un sentire più profondo, che mi spinge a “partire da casa”, ha avuto e sta avendo come risultato quello di destabilizzare le mie sicurezze, le mie abitudini, obbligandomi a percepirne la vacuità.

Vacuità che cerco di colmare in tutti i modi, spegnendo inutilmente il senso di solitudine, ma non riuscendoci mai e rimandando ogni giorno la resa dei conti con le mie debolezze.

Per questo motivo sarebbe bello avere un rapporto e portarlo avanti, avere ogni giorno qualcosa di sicuro a cui appoggiarsi per tirare avanti e non sentire la propria non esistenza, la propria falsità.

Ci ho provato in tutti i modi, montarmi e rimontarmi, cercando la quadratura del cerchio, ma alla fine ho dovuto ammettere che non è semplicemente possibile.

Portare avanti un rapporto senza futuro, forzando due vite che viaggiano sui due binari diversi a stare insieme, alimenterebbe aspettative che non sono in grado in questo momento di corrispondere.

E così è più giusto lasciar andare qualcuno anche caro nel cuore, accettando il peso della propria scelta, sapendo che potrebbe inizialmente ferire e non essere compresa.

Nei momenti di solitudine e sconforto non sono sempre in grado di cogliere un nesso, un senso.

Ma forse un senso non c’è e come hanno detto tutti coloro che, non accontentandosi di risposte preconfezionate, hanno tanto cercato e alcuni trovato, il segreto è nel silenzio perché tutto è illusione; l’unico modo per uscirne è emanciparsi dal movimento rotatorio senza fine, andando al centro della ruota, dove il movimento cessa.

Per comprendere infine che

“il Vuoto è Forma, e la Forma è Vuoto”.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

3 Comments

  1. Giuseppe ha detto:

    Mi inchino all’onestà e alla coerenza interiore di Ilia.

  2. Ilia Musco ha detto:

    Semplicemente… Grazie.

    Ilia

  3. Fede ha detto:

    Vero: che dolcezza!

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.