Censura: YouTube oscura un’intervista a persone salvate da Giuliani. Ditemi voi se ha senso


Giuliani – L’uomo che ci ha salvati from Claudio Messora on Vimeo.

Testimonianza di Stefania Pace, una madre di famiglia reduce dal terremoto abruzzese, e di come Giuliani ha salvato la sua e molte altre vite

Condivido in questo post la denuncia del blog di ByoBlu, che si è visto censurare questo video su YouTube, con la scusa della “Violazione dei termini d’uso“.

Sul blog, viene pubblicato un post con un’intervista a una nadre di famiglia abruzzese che si è salvata grazie al fatto di essere in contatto con Giampaolo Giuliani.

L’intervista non ha musica di fondo, è stata fatta in proprio e non contiene elementi di insulto ad alcuno ne tantomeno immagini che potrebbero offendere la sensibilità di chicchessia.

YouTube l’ha censurata senza pietà sospendendo pure l’account di BYOBLU.

Lascio a voi ogni conclusione, con la preghiera di spargere il più possibile il video in questione. L’indirizzo del video è: http://www.vimeo.com/4286596

Una volta visualizzata la pagina basta passarci sopra il mouse e cliccare sull’icona “Embed” per avere il codice di inclusione.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

1 Comment

  1. Umberto Veronesi ha detto:

    Certo che sulla censura ci sarebbe da dire parecchio, come ad esempio che mentre le agenzie di mezzo mondo aprono con l’ultimatum espresso da Pyongyang alle Nazioni Unite per presentare le scuse ufficiali, dopodiché inizieranno i lanci per ora in fase di test di altre due testate nucleari e con la distruzione da parte della flotta russa di una nave di pirati, le nostre dicono che risale la fiducia dei consumatori, che le retribuzioni in Italia sono aumentate del 3,5% su base annua e che le ore di sciopero sono diminuite del 92%… Però magari la mia è una lettura errata, faziosa o, come qualcuno vuole dire, “complottista”…

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.