Psicofarmaci: in aumento tra i giovani italiani

psicofarmaciLa notizia la pubblica ieri l’ANSA, dicendo che la percentuale di giovani dai 15 ai 16 anni che si “fanno” di psicofarmaci è aumentata.

Ok, ma di quanto? E rispetto a quando?

Notizie come questa mi fanno girare le palle, a proposito di superficialità e faziosità. A cosa mi serve sapere che dei giovanissimi si fanno di più, se non so quanto e rispetto a quando?

Non è possibile estrapolare alcuna reale informazione da una notizia lanciata così,  se non quella errata di una popolazione di giovanissimi rovinati nell’intimo. Il che non è!

Questo è un esempio di quanto dicevo ieri nel post sulla superficializzazione. Questo genere di lanci, apparentemente profondi, perchè snocciolano alcune cifre, in realtà non hanno senso. Però chi li scrive e li pubblica se ne frega altamente. Da notare che sul consumo di alcolici stranamente l’articolo è invece estremamente preciso.

Per forza! L’alcool è un argomento su cui insistere, è di moda. Gli psicofarmaci invece, dato che li ficcano in bocca pure ai bambini evidentemente vanno bene!

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.