Ricerca della verità: superare un limite. Anzi, no: perforarlo.

wgmg_speed-limitsSabato ho avuto una delle più grosse e sfacciate fortune della mia vita. Ero lì mentre Franz superava un limite. Ed è stato uno dei momenti più belli della mia vita. Per qualche secondo infatti ho sperimentato una possibilità di essere totalmente diversa da quella che è dato vivere abitualmente.  

No, non mi sono sdoppiato e non soffro di schizofrenia. E’ un modo naturale di riferirsi a quella parte di se’ che si riesce ad osservare. In terza persona, in quanto appunto viene vista con distacco

Avevo un appuntamento a Cannes in mattinata, dopodiche mi sono ritrovato libero per il resto del giorno. 

Da tempo stavo cercando il modo di superare un limite che mi stava particolarmente sulle palle: la paura delle pieghe in moto. Non che non ne facessi, ma c’era sempre quel disagio, quella tensione, che mi impedivano di fare delle curve come dio comanda, e quindi di fatto anche di sostenere percorsi impegnativi a velocità significative. 

Ricordavo di una strada, proprio sopra Cannes, circa sei chilometri di misto medio, con curve a gomito, tornanti ma anche curve morbide e progressive alternate a rettilinei di qualche centinaio di metri. L’ideale insomma per esercitare staccate e “ribaltamenti” del mezzo.  Ho preso al volo l’occasione e mi ci sono diretto.

Qui è entrata in gioco la prima delle tre “K” fondamentali nella vita: il Kulo! Tempo perfetto, un po’ fresco ma secco, asfalto più che decente e praticamente zero traffico.  

Al primo giro sui sei chilometri in questione, non ho fatto nulla, semplicemente ho guardato quello che mi accadeva. I riflessi condizionati, i movimenti automatici, dove andava il peso del corpo, in che posizione mi mettevo rispetto al mezzo; e naturalmente la paura.polveregc5ji31

Paura sotto forma di diffidenza, di molte scuse che mi davo per non spingere sull’acceleratore e non piegare quella fottuta moto.

Una paura si è rivelata fondamentale: quella che il treno posteriore potesse scivolare durante una piega e sbattermi per terra insieme al mio unico mezzo di locomozione. Il tutto nel cuore della provenza su una strada pressoche deserta

Individuata la paura fondamentale, è entrata in azione la seconda delle tre “K”: la Koncentrazione. Ho ripercorso la strada in senso inverso, ma questa volta mantenendo una mira: quella di piegare la moto un po’ di più ad ogni curva. Senza darmi del pirla se non ci riuscivo e senza darmi del dio se invece gliela facevo. 

Ho così ripercorso i sei chilometri in concentrazione, pensando solo a spingermi al limite della mia paura e… un po’ più in là. Non tanto, solo un poco, riuscendo una curva si e tre no, ma senza giudizio su quello che riuscivo a fare. 

Al terzo giro è successo qualcosa. Ho sentito come una scossa all’interno e improvvisamente della paura non è rimasta alcuna conseguenza.

Ancora presente nella sua esistenza intrinseca, la paura non aveva più alcuno spessore, come dissolta. Ho avuto la sensazione di aver “bucato” qualcosa. Come un uomo immerso sotto una calotta di ghiaccio che, a furia di capocciate, esca di colpo con la testa all’aria aperta

Ho iniziato ad accelerare e ad inclinare la moto sempre di più, di più, di più, fino a che sono arrivato a toccare terra con una mano… e raccogliere un sasso.

Quel singolo istante si è dilatato, in una velocità percettiva del tutto inusuale e in una percezione espansa del mio corpo, della moto, della strada, dell’asfalto, della natura tutto attorno e di quella al mio interno; dei meccanismi motori quanto di quelli emotivi e mentali

Era tutto… allineato. Corpo, mente ed emozioni tutte assieme. E qualcuno a guardare tutto questo mentre accadeva.

Forse un salto d’ottava. Forse no. Ma alla fine: che importa? La sensazione che ho provato è stata la più bella della mia vita. 

E ancora oggi qualcos’altro prosegue a lavorare, come se quell’esperienza non fosse conclusa ma avesse messo in moto mille altri percorsi, mille altre conseguenze.

Una fra tutte, un nuovo osservatore.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

12 Comments

  1. Sting ha detto:

    Leggere questo post mi ha infuso gioia e ottimismo.
    Gioia, perché credo fermamente che quando qualcuno supera un limite, fa un salto in “avanti”, crea come delle onde concentriche “positive”, che si diffondono intorno… e dio sa quanto ce ne è bisogno!
    Ottimismo, perché se ce l’hai fatta tu, e considerato che domani monterò in paio di Pilot Road nuove di zecca…
    Ci vediamo in Val Trebbia!!

  2. Yellowkid ha detto:

    Eh, ma la terza K???

    • franz ha detto:

      Karma 🙂 Nel senso che quando qualcosa va dritto (o storto… che poi è uguale) c’è di mezzo qualcosa che solitamente non dipende da noi. Puoi anche chiamarlo Kaso, volendo, ma di fatto si tratta sempre di leggi che si esplicano senza che l’essere umano ne abbia solitamente alcun controllo.
      Giusto per chiarire, aggiungo che ritengo che il caso esista, ma come conseguenza non immediatamente visibile di interazioni tra leggi esistenti.

  3. the_highlander ha detto:

    Bellissimo!

  4. jakarta ha detto:

    Ciao, che moto hai? A che velocità sei riuscito a raccogliere il sasso?

  5. jakarta ha detto:

    peccato che sia un bmw e non una yamaha 😀

    Complimenti per il blog, ottimi gl’articoli, ma il più delle volte bisogna fare una triangolazione delle notizie dei vari giornali, per capire circa la verità dei fatti.
    Buon lavoro 🙂

    ps: Usi linux?

    • Franz ha detto:

      Se pensi che prima avevo una Harley…;)
      Grazie per i complimenti.
      In effetti la triangolazione è utile, ma poi alla fine ti tocca anche gironzolare parecchio sulla rete prima di arrivare ad avere un’idea di come stanno le cose.
      Linux lo uso poco, purtroppo la maggior parte dei miei clienti usa windows.

  6. primularossa ha detto:

    Miii, ma proprio con la moto e con il rischio di spaccarti dovevi superare il limiteee?? Ah ah ah ah!!

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.