Grazie allo Strattera due bambini progettano il suicidio. In Inghilterra ci hanno provato già in 130. - Franz's Blog

Grazie allo Strattera due bambini progettano il suicidio. In Inghilterra ci hanno provato già in 130.

 

 

LA VOGLIAMO PIANTARE DI DROGARE I BAMBINI SOLO PERCHE’ FANNO CASINO?

PORCA PUTTANA!!! MA QUANTI NE DEVONO CREPARE PRIMA CHE GLI ITALIANI SI SVEGLINO?

 

COMUNICATO STAMPA DEL 13/03/09

 

DUE BIMBI ITALIANI SU ATOMOXETINA PROGETTANO IL SUICIDIO: L’AIFA TACE

 

In Italia, due bimbi in terapia per ADHD cui veniva somministrata atomoxetina (Strattera ®) hanno manifestato idee suicidarie. Nonostante l’attenzione dell’opinione pubblica sul tema psicofarmaci e bambini, l’Agenzia Italiana del Farmaco non ha ritenuto di informare tempestivamente la cittadinanza. Poma (Giù le Mani dai Bambini): “Incomprensibile silenzio, l’agenzia avrebbe dovuto emettere sollecitamente un comunicato, ma nessuno è stato informato di questi gravi fatti, d’interesse soprattutto per le famiglie con figli in cura con queste molecole”. Lo Strattera® nuovamente sul banco degli imputati: in Inghilterra nel periodo di monitoraggio 130 tentativi di suicidio.

 

Roma – A pagina sette dell’ultimo numero del “Bollettino di farmacovigilanza AIFA” l’Agenzia Italiana del Farmaco informa circa le idee suicidarie di due bambini, una bimba piemontese di 9 anni, ed un bimbo sardo di 10 anni. Entrambi i minori erano in trattamento nel 2008 con atomoxetina (nome commerciale “Strattera”®, psicofarmaco prodotto dalla multinazionale farmaceutica Eli Lilly), la bimba da sette mesi ed il bimbo da dieci mesi. Il bambino è stato ricoverato in ospedale con diagnosi di “agitazione psicomotoria ed ideazione suicidaria”, e successivamente dimesso dopo una terapia specifica, mentre per quanto riguarda la bambina non vi sono attualmente notizie circa l’esito finale della vicenda. “E’ sconcertante – ha commentato Luca Poma, giornalista e Portavoce nazionale di ‘Giù le Mani dai Bambini’, il più rappresentativo comitato italiano per la farmacovigilanza pediatrica – che l’agenzia del farmaco non abbia emesso un comunicato nell’immediatezza del fatto, al fine di informare la cittadinanza, ma renda noto ciò che accaduto solo mesi e mesi dopo: lo Strattera è – purtroppo – lo psicofarmaco più utilizzato in Italia per sedare i bambini troppo agitati e distratti, nonostante siano noti i gravi profili di rischio di questa molecola. Ritengo che l’AIFA avrebbe dovuto, nel rispetto della privacy delle due famiglie coinvolte, permettere agli altri genitori di maturare scelte equilibrate al riguardo, conoscendo pro e contro di questi trattamenti”. In un documento dell’agenzia di controllo sanitario inglese (British Medicines and Healthcare Regulatory Agency) reso noto su richiesta del giornalista investigativo svedese Janne Larsson, si riportavano già a fine 2005 ben 130 rapporti su tentativi di suicidio da parte di pazienti trattati con Strattera®, oltre a 760 rapporti per problemi cardiaci, 172 rapporti per danni al sistema epatico e circa 20 rapporti per suicidi effettivi. Il colosso farmaceutico Eli Lilly in origine cercò senza successo di far approvare Strattera® dalla Food & Drug Administration USA come antidepressivo, per poi riciclarlo come trattamento per l’Adhd, la Sindrome di Iperattività e Deficit di Attenzione, con significativi profitti finanziari (circa 665 milioni di dollari di giro d’affari annuo). Da allora, si sono succeduti diversi avvisi urgenti della FDA relativi alla potenziale induzione al suicidio dell’atomoxetina, qualora somministrata ad organismi in via di sviluppo, ma la molecola non è mai stata rimossa dal mercato. L’AIFA, nel rapporto sui due bambini italiani che hanno maturato progetti suicidari, dichiara anche che l’insorgenza di ideazione suicidaria sembra essere significativamente più frequente nei bambini in terapia con atomoxetina”. “E’ incomprensibile il motivo per cui – ha concluso Poma – nonostante le ormai conclamate evidenze di pericolosità di questo psicofarmaco, riconosciute anche dall’AIFA, l’organismo di controllo non intervenga chiedendo all’Agenzia Europea del Farmaco un’immediata revisione dell’autorizzazione al commercio di questa molecola, come già sollecitato anche in più occasioni da esponenti del nostro Parlamento”.

 

Media relation: 337/415305 – portavoce@giulemanidaibambini.org

Commenta con il tuo nome Facebook

8 risposte a Grazie allo Strattera due bambini progettano il suicidio. In Inghilterra ci hanno provato già in 130.

  • Un pomeriggio primaverile di alcuni anni fa, in un parco milanese, ho potuto mirare l’altissima velocità percettiva della vita di un ragazzino di sette/otto anni in trattamento con risperidone: ho potuto mirare, inoltre, in lui, una totale fiducia e amore verso la madre che a pochi metri da lui, lo osservava pronta e bella: dopo ché ricevette un gelato ché non riuscì a scartare, ella lo invitò a farsi aiutar
    e da lei: lui, allora, ruotò sul suo asse di centottanta gradi e i nostri sguardi si incrociatono: raggiuntomi con qualche passo, mi porse il suo prezioso gelato da scartare e ritornare: un gesto trasversale! Non ho dubbi: io sono come lui…
    Essere border-line non significa essere malati! Neanche un pò! Essere in ‘confine’ dove tutto, ma proprio tutto può accadere…

    Ciao

    • Inoltre questa linea di demarcazione tra normale e non è del tutto arbitraria e va considerata con molta attenzione…prima di sputare sentenze

      • “Normale…” una parola effettivamente terribile. 🙂 Grazie del passaggio.

      • non mi sembra di aver sputato sentenze. Te lo dice un border-line…
        Ciao

        • guarda che non diceva a te sullo sputare sentenze anzi… rafforzava… permalosone!

          • E certo dicevo ai dottori!!!!il concetto di border line invece ha un senso perchè è un punto di passaggio tra uno e l’altro e può in un certo senso rendere più elastico il concetto di normale

  • mi capita, come in questo caso, di fraintendere. Chiedo scusa
    (non me l’ero presa)

  • ANCHE MIO FIGLIO LO HA ASSUNTO E AVEVA TANTI PROBLEMI GLI è STATO DATO AL GEMELLI DI ROMA . IO DI MIA INIZIATIVA L’HO TOLTO SCALANDOLO DA SOLA DOPO CHE HO LETTO TUTTO CIO CHE ACCADEVA E CHE FACEVA.MI CHIEDO SE ESISTONO ALTRE TERAPIE NON NOCIVE PER AIUTARE QUESTI BIMBI .GRAZIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate