Giovanardi: test antidroga a chi vuol guidare il motorino. E a chi vorrebbe guidare l’Italia?

Eccola qui la notizia furba della settimana: il ministro Giovanardi vorrebbe introdurre l’obbligatorietà del test antidroga per chi vuole guidare il motorino, prima che prenda la patente.

Se il ragazzo viene trovato positivo al test , non avrà né patentino né patente. Andrà a piedi per salvaguardare la sua incolumità e quella degli altri

Niente da dire. Solo non vedo perchè la stessa regola non dovrebbe valere per chi vuole guidare qualcosa di molto più grosso che un motorino: la responsabilità di guidare l’Italia credo infatti sia molto maggiore al confronto.

Se Giovanardi vuole introdurre una regola simile cominci quindi ad istituire controlli giornalieri antidroga davanti a montecitorio, come avevano fatto le Iene qualche tempo fa.

E il primo che si fa trovare strafatto… fuori dai coglioni!

Tag Technorati: , ,

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

3 Comments

  1. andrea ha detto:

    uno spinello ogni tanto non crea camionisti pericolosi ma si fa di tutta un erba un fascio

  2. Umberto Veronesi ha detto:

    E’ un tema che ha molto da essere analizzato. E purgato da inclinazioni politiche, credo offra molti spunti. Se vogliamo generalizzare, anche l’alloro (Laurus nobilis) è una pianta che, usata con maestria, può indurre in stato allucinatorio, può creare dipendenza, ma, soprattutto, è tossico ed uccide. Non lo si vieta perché non ha connotazioni politiche, per il momento. Alla stessa maniera farsi una canna non ha effetti più nocivi del fumarsi una sigaretta mentre si beve un bicchiere di rosso (anche se non ha gli effetti positivi del vino). Non ce li ha e basta. Ed ammazzarsi di canne da mane a sera per anni sappiamo che provoca dei danni seri e che genera mutazioni del comportamento pericolose. Ma anche ammazzarsi di zucchero da mane a sera fa danni semi irreversibili. O proibiamo tutto o educhiamo la gente ad un uso consapevole di ciò che la Natura ci regala. Io sarei per la seconda…

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.