Occhiali da vista regolabili. Li hanno inventati ma li vendono solo in India.

E’ comparsa sull’ANSA la notizia di un professore di fisica che ha realizzato degli occhiali cui è possibile regolare le diotrie. In questo modo non occorre rifare le lenti ogni volta che l’occhio cambia capacità visiva.

L’idea l’avrebbe avuta 20 anni fa, ma solo oggi è riuscito a realizzare questa cosa grazie a contributi statali (ovviamente parliamo di Regno Unito… in Italia lasciamo perdere).

Quello che mi ha stupito è che questi occhiali saranno venduti solo in India e in altri paesi del terzo mondo.

Io personalmente vedo solo due possibili spiegazioni a questa strategia: o le lenti così ottenute fanno talmente schifo che in occidente gliele tirerebbero in testa, oppure le lenti vanno benone ma stroncherebbero il mercato degli ottici e case oculistiche.

In entrambe le ipotesi, come al solito la faccenda puzza!

Come sempre se qualcuno sa qualcosa in più… welcome and enjoy!

Tag Technorati: , ,

Condividi
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

8 Comments

  1. mauro ha detto:

    Avevo anche io sentito qualcosa del genere, ma sinceramente, essendo anche del settore, mi pare molto strano, o comunque difficilmente realizzabile, a meno che non sia qualcosa di talmente banale…(esempio l’ oculus di prova che si usa nei controlli ottici-oculistici con lenti intercambiabili e aggiuntive)…
    ….ma se il tipo ci ha messo 20 anni…dovrebbe essere una soluzione tecnologicamente avanzata..
    Sarei curioso di vedere almeno una foto…e se esiste e ne trovassi un modello sarei ben felice di esporlo nella vetrina …

    • franz ha detto:

      A quanto ho letto pare si tratti di un composto liquido tra due film sottili, togliendo o aggiungendo i l liquido si modificano le diottrie, ma non ti so dire molto di più!

  2. […] Una curiosa notizia dal Franz’s Blog…leggi il resto…QUI […]

  3. mauro ha detto:

    Ciao, ho “investigato” un pò sulla notizia, sopratutto dopo che l ‘ho letta anche su una rivista di settore.
    Allora, confermo tutto quello che hai scritto, e quello che ho riportato anche sul mio blog. L’inventore di questi occhiali-regolabili è Joshua Silver (non ho però capito se ottico o professore di fisica..o tutte e due…), e in effetti ci sono dal 1985 (ecco perchè ne avevo già sentito parlare…), e sono in effetti destinati al terzo mondo, ma solo perchè li ha ideati proprio per questo scopo, dare la vista a chi non puo permetterselo. Ma non per motivi economici (costano 19 euro…e un occhiale normale lo si potrebbe acquistare lo stesso) ma per sopperire alla mancanza di ottici/oculisti in queste zone arretrate…il discorso fila…anche se credo che difficilmente potrebbero per ora prendere piede qui da noi, almeno almeno per due motivi 1)troppo brutti 2)la qualità della visione non sarà di certo paragonabile a un occhiale di qualità

    • franz ha detto:

      Grazie delle precisazioni, avevo cercato notizie in più ma non ero riuscito a trovarne si precise.

      • egidio schintu ha detto:

        GENT.LE SIG.RE, SONO L’AMMINISTRATORE DELEGATO DELLA MONDOTTICA ITALIA SRL E LA NOSTRA CASA MADRE, MONDOTTICA LTD HA L’ESCLUSIVA PER L’EUROPA DI UN NUOVO BREVETTO CHE EFFETTIVAMENTE REGOLE LE LENTI CON UNA ROTELLINA LATERALE LE DIOTTRIE VANNO DA -6 A +3
        E SI CHIAMA “ADJUSTABLE”, LO PRODUCE LA SOCIETA’ ADLENS (WWW.ADLENS.COM), ABBIAMO COMINCIATO IN ITALIA A COMMERCIALIZZARLO PRESSO GLI OTTICI CON UN GRANDE SUCCESSO, PER QUALSIASI INFORMAZIONE SIAMO A DISPOSIZIONE, EGIDIO.SCHINTU@LIBERO.IT, SALUTI!

        • Franz ha detto:

          Egr. Dott. Schintu. Come può notare l’articolo è del 2008. Mi sembrava strano che ancora nessuno avesse prodotto qualcosa di simile. Dopotutto l’idea mi pare geniale!

          La ringrazio per la sua segnalazione e per il commento.
          Buona giornata!

  4. […] Una curiosa notizia dal Franz’s Blog…leggi il resto…QUI […]

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.