Consumo “interattivo”

telecom.jpgCome troppo spesso accade in Italia, le aziende ex monopoliste di nome o di fatto, così come i politici nostrani, sono vergognosamente aggrappate alle loro posizioni previlegiate.

Alla faccia della libera concorrenza, che rappresenta un’ occasione per i cittadini di usufruire di servizi migliori ad un prezzo più basso, ma soprattutto alla faccia della libertà; di scegliere, di confrontare, di premiare i migliori, i più inventivi, i più efficenti.

Aziende come Telecom invece, approfittano, con la complicità delle istituzioni della posizione predominante, per ottenere ulteriori guadagni a fronte di.. “nulla”. Come l’aumento del canone giustificato con “l’impegno a migliorare il servizio (…) ed estendere la banda larga anche al di fuori delle aree urbane”.


Qualcuno recentemente ha sottolineato che una tra le condizioni necessarie per definirsi “imprenditore”, è correre il rischio d’impresa; invecequesti signori, come altri, trovano più redditizio – o più facile – imporre PRIMA aumenti agli utenti, e poi, forse, investire nella ricerca, programmare interventi, migliorare infrastrutture etc.

Alcune associazioni hanno proposto petizioni contro questa politica che definirei “predatoria”, ognuno è libero di aderire o meno, ma credo sia importante FARSI SENTIRE.
Non possiamo sapere ora i risultati che otterremo, ma non è importante. Se quello studente pugliese non si fosse dato da fare con intelligenza e caparbietà, oggi pagheremmo ancora i 10 € a ricarica sui cellulari, forse non è stato neanche ringraziato, ma si è esposto, e di persona.

E’ fondamentale, a mio parere, dimostrare in maniera inequivocabile che i cittadini, i consumatori, gli elettori, valutano e rispondono attivamente alle scelte imprenditoriali e politiche che vengono fatte. E si regolano di conseguenza.
Altrimenti… è già dentro tre quarti, vogliamo favorire l’ultimo “affondo”?

Se vi piace…

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

1 Comment

  1. […] … [Continua a leggere…] […]

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.