Ma Ratzinger è nato a Sparta? Prima no diritti ai gay, adesso no a quelli dei disabili.

E alè. La serie di occasioni in cui la chiesa cattolica mostra tutto il suo splendore prosegue.

L’ultima? Qui, sul Corriere. Non hanno ratificato la risoluzione Onu per i diritti dei disabili. Detta risoluzione prevede di adottare una serie di misure affinchè per i disabili siano garantiti pari diritti a varie cose, tra cui salute e sessualità.

E ovviamente è proprio questo che non piace alla chiesa. Essendo compreso l’aborto nei diritti in questione, allora “Santa” Romana Chiesa decide di negarli in toto. Parola del solito simpaticone Monsignor Migliore.

Sempre più carini, sempre più consoni al messaggio cristiano… Mi chiedo veramente se qualcuno lì dentro non abbia avuto una botta di ricordi di una vita passata in cui faceva il ginecologo a Sparta.

Tag Technorati: , ,

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

8 Comments

  1. fabio ha detto:

    RATZINGER HA PERFETTAMENTE RAGIONE. A PARTE IL FATTO CHE IO SONO ASSOLUTAMENTE CONTRARIO ALL’ABORTO, RITENGO SBAGLIATO RATIFICARE UNA RISOLUZIONE CHE PERMETTA DI ABORTIRE SE CI SI ACCORGE CHE SI PARTORIRA’ UN DISABILE. UN DISABILE VA ACCETTATO COMUNQUE ED AMATO FINO ALLA FINE COME SE FOSSE UN GUERRIERO SPARTANO IN SALUTE.

    • Sting ha detto:

      Bene, perfetto, avanti così.
      Infatti il vaticano ha stanziato milioni di euro del proprio tesoro personale (perchè è facile fare i moralisti con i soldi degli altri) per:
      1) Elevare le popolazioni del 3° mondo dallo stato di profonda indigenza e disperazione in cui versano e portarle verso più sane condizioni sanitarie e di vita
      2) Diffondere una sana educazione sessuale, senza nascondersi che non siamo nel 20.000 A.C. ma nel 2008, che permetta anche con l’uso del preservativo, di avere gravidanze responsabili.
      3) Promuovere la ricerca in modo da diminuire con esami mirati la probabilità di avere figli disabili
      4) Non abbandonare le famiglie che debbano crescere figli disabili, sostenendole con iniziative socio economiche (le preghierine non hanno mai pagato cure, insegnanti di sostegno etc.)
      E poi immagino che per sostenere con tanta forza la sua posizione lei abbia in famiglia un parente disabile psichico o fisico, e quindi sappia bene di cosa si sta parlando, abbia vissuto fino in fondo l’angoscia e il dubbio di potercela fare, e offrire alla creatura in questione un vero aiuto, e si sia confrontato con la difficile scelta di dovere annullare la propria vita ogni santo giorno, per sostenere qualcuno che, malgrado tutto, da solo non ce la può fare.
      Perchè se tutto quel che ho elencato è vero, tutto ok, altrimenti farebbe bene a riflettere un pochino, e magari, a farsi venire qualche dubbio….
      Cordialmente

    • franz ha detto:

      Io ritengo sbagliato impedire di abortire a chi lo vuole fare, a precisndere dalla filosofia. Punto. E ritengo idiota negare tutta una serie di diritti perchè si è contrari a uno di questi. Ripunto.

    • sam ha detto:

      Bisogna leggere bene i fatti: che senso ha difendere i disabili in vita ed eliminare quelli che stanno per nascere?

    • franz ha detto:

      Il vaticano non uò firmare la convenzione perchè non vuole. Punto. E questo lo qualifica in toto. Ripunto

  2. federico leopardi ha detto:

    Proposta: aboliamo il vaticane con un bel referendum su scala planetaria: tanto, oramai, con lo splendido Insegnamento di Mastro Gesù non ha proprio niente in comune!!!…

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.