Medicina, Sperimentazione e Nuovo Oscurantismo

La medicina ufficiale continua a guardare con il naso storto ogni metodo di cura che non preveda l’uso di farmaci.

Ovvio, è controllata dalle case farmaceutiche, che la finanziano con gli introiti della vendita dei medicinali che assumiamo, con o senza “suggerimento” medico, pagando direttamente o indirettamente tramite il S.S.R.

Sono venuto oggi per caso a conoscenza di un intervento “sperimentale” effettuato nel 2005, che consiste nel trattare i reumatismi con un’ impianto di piccoli grani d’oro puro negli stessi punti dell’agopuntura.

L’intervento è riuscito perfettamente ed ha avuto “risultati superiori alle aspettative”.

Il paziente, molto anziano, che non riusciva praticamente più a camminare, ha ripreso a muoversi ed a condurre, prima che un tumore al pancreas lo finisse dopo ben 2 anni, una vita pressoché normale.

Non si dica che ha influito l’effetto placebo perché il paziente era un leone asiatico ospite del bio parco di Roma.

Non mi risulta che tale tecnica sia oggetto di studi di approfondimento e / o di sperimentazione sull’uomo.

Continuiamo ad ingozzarci di Aulin, che quello si che fa bene….. e soprattutto chiediamoci OGNI VOLTA e poi chiediamolo al medico, se è davvero indispensabile assumere farmaci, se non esistono terapie alternative o con meno controindicazioni, se il dolore che proviamo è veramente insopportabile, se davvero non possiamo concedere al nostro corpo due o tre giorni cosicché, naturalmente, possa guarire.

Tag Technorati: , ,

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

3 Comments

  1. Sting ha detto:

    Si, esatto, e Leonardo ha scovato anche l’indirizzo che dovrebbe celarsi sotto “un’ intervento”.
    Nel prossimo post cercherò di essere più chiaro…

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.