Giu’ le mani dai bambini! Al Gaslini show nefasto di una casa farmaceutica. Core business: psicofarmaci.

Ricevo un comunicato stampa davvero singolare, mi arriva per vie di interposte persone dall’associazione “Giù le mani dai bambini”, che trovate a questo indirizzo, un gruppo di professionisti, a prima vista abbastanza seri da farsi venire un dubbio, ogni tanto.

Il fatto: il 15 novembre, all’ospedale Gaslini di Genova (struttura pubblica) si tiene una conferenza/convegno, sul tema di quella cazzata definita ADHD, ovvero “Attention Deficit Hyperactivity Disorder” (Disturbo da mancanza di attenzione e iperattività).

Cos’è questa puttanata? Nient’altro che una sigla per definire quei bambini, che essendo provvisti di riserve di energia un po’ più profonde della media, tendono a non cagare chi li annoia a scuola, e in più piantano un casino infernale. Sono sempre esistiti. Pierino la peste, Gian Burrasca… avete presente? Gli è andata bene a non vivere oggi.

Perchè se ai loro tempi al massimo si sarebbero beccati uno scapellotto, oggi rischierebbero di vedersi riempiti di psicofarmaci, dato che qualche furbone ha deciso che quello dei bambini è un settore di clienti perfetti: abbondanti, ignoranti (per forza, a quell’età) e completamente fiduciosi dei propri genitori o del medico di famiglia.

Risultato: questo qualcuno (i famosi “eminenti studiosi”) da un nome al comportamento di cui sopra, che da semplice comportamento vivace diventa patologia, rendendo così possibile vendere psicofarmaci da somministrare a questi poveri bambini.

Psicofarmaci, non bruschette. Il convegno al Gaslini è organizato dalla ELY LILLY, con il solito sistema per pubblicizzare i propri farmaci. In questo caso specifico, il farmaco si chiama Strattera (atomoxetina cloridrato).

Effetti collaterali: nausea, vomito, sonnolenza, sfinimento. Ma soprattutto disfunzione erettile, eiaculazione precoce, anorgasmia… e già ma tanto i bambini non scopano… chissene frega se da grandi non gli riuscirà di farsi una scopata perchè qualcuno li ha riempiti di psicofarmaci quando erano piccoli? E poi tanto c’è il Viagra…

Il convegno era aperto al pubblico, peccato che ai presenti non è stato permesso di fare domande sui farmaci, e agli “amici di Beppe Grillo” viene addirittura impedito di usare le telecamere per riprendere l’evento (ma non era pubblico?).

Il tutto è descritto in questo documento, il comunicato stampa emanato dall’associazione “Giù le mani dai bambini”, presente al fatto e il cui rappresentante è stato tra i vari zittiti.

Consiglio di leggerlo, anche perchè questo blog se ne occuperà ancora.

Perchè già mi girano quando un farmaco inutile viene venduto a un adulto.

Ma quando si fa bersaglio della propria mancanza di scrupoli un bambino che non ti può mandare a fare in culo come meriteresti… beh allora mi incazzo davvero!

Ah. dimenticavo il farmaco della Ely Lilly, crea dipendenza, per cui se lo date ad un bambino già agitato di suo, quando glielo togliete vi ritrovate per le mani una belva scatenata.

Ma comunque non preoccupatevi: il prossimo post lo dedico tutto a questo farmaco e ai suoi meravigliosi effetti.

Tag Technorati: , , , ,

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

2 Comments

  1. Franco Giamba ha detto:

    Ciao
    Ho messo un commento sui blog.
    E questo è un’altro esempio di notizia ke 3 o 4 anni fa, fu data in GER e ke passo in sordina da noi sui mezzi di informazione convenzionali (mi piace kiamarli così 😉 ). NON sui blog. Questa notizia c’era sul WEB. Il problema è KE devi andarla a cercare. OGGI c’è + gente ke lo fa (cercare le notizie).
    Era terribile … sai ke lessi ke TUTTI i giovani ke avevano commesso stragi nelle scuole ERANO CURATI con qui tipi di farmaci?????

    Ciao

  2. anna ha detto:

    ma dico? i campi di concentramento li hanno aboliti? tutti? ma proprio tutti tutti? peccato…però il vecchio mestiere di spalare merda esiste ancora, vero? allora che andassero a spalare e lasciassero in pace i bambini..incompetenti ed incapaci!

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.