Zitti zitti, alla camera stanno cercando ancora di fregare i blog!

E’ di lunedi questo articolo di Luca Spinelli su Punto Informatico.

In sintesi, si parla del decreto incula-blog, partorito sotto la legge Prodi, poi grazie a Dio defunto per la caduta del governo, con il quale appunto si tentava di fare sodomia dei blogger, costringendo il diario personale su internet a rientrare sotto la categoria del “prodotto editoriale” invece che quella del “dico quel cazzo che mi pare perchè la Costituzione me ne da il diritto!”

Adesso si scopre che il bastardo DDL sta ancora girando per la camera, nel silenzio più totale.

I blog sono rimasti una delle poche fonti di libera espressione in questo paese ormai più simile ad uno stato di polizia che ad una democrazia (finisce tutto in “zia”, ma non è che il possibile parentado mi consoli).

Se questo DDL divenisse effettivo (cosa probabile, dato che in Italia ormai non si muove più nulla) i blog dovrebbero fare veri e propri salti mortali per mantenere la propria indipendenza, e possibilità di esprimere opinioni e pensieri sulle cose di tutti i giorni.

E’ un problema grosso… molto grosso. Consiglio di leggere l’articolo citato. E’ illuminante!

Tag Technorati: , ,

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

5 Comments

  1. Sting ha detto:

    Ma dài, che poi i blogger potranno incassare i finanziamenti all’editoria.. (legge del 1981)
    Bé, si, cioè… dopo aver leccato un svariati culi politici e essere diventato un blog “di partito”!!

  2. Franco Giamba ha detto:

    Ciao Franz, ciao a tutti.
    Stiamo arrivando ad una situazione paradossale. Il WEB, creato per il sistema (militare), è diventato di dominio pubblico (grazie al cielo). Ora il sistema ITALIA …. si sta accorgendo che esiste (meno male SOLO ora in ritardo cronico …. del resto siamo il paese con la classe dirigente più vetusta ke, FORSE, sa accenderlo un PC).

    Considerazione. Nel bel paese, sul confine VATICANCATTO/CAPITAL/COMUNIS da SEMPRE il potere ha giocato un ruolo decisivo su quello ke NOI cittadini potevamo “pensare”, “vedere” e “SAPERE”. Nascono leggi ke finanziano la carta stampata (facendola proliferare e … “cercare un ago (notizia) in un pagliaio (testate)” si sà ….). Interessante è ke un tempo si diceva “per avere un quadro reale delle notizie leggo 2 o 3 quotidiani”. OGGI … non so quanti sarebbero da sfogliare senza SAPERE quale sia l’oggettività della notizia. Le televisioni? In mano ai politici con informazione “macchietta”. Insomma la morale è ke dove la guardi la guardi, la notizia ke ti arriva, è stata preventivamente manipolata da una serie di norme (il sistema di regolamentazione dell’informazione italiana in generale) ke la fa arrivare a NOI filtrata come vogliono. I commenti, sono standardizzati.

    Mai notato ke nelle discussioni tra amici vengono fuori commenti ke … COME CAZZO FANNO A NON VENIRE ESPRESSI da NESSUNO durante l'”informazione convenzionale”? Esempi a cazzo …. “La sanità lombarda è la migliore … bla bla” .. COME CAZZO E’ KE QUALKE politico LOMBARDO VA A FARSI CURARE IN SVIZZERA se vive nella regione dove è la migliore? …. E NESSUNO LO FA NOTARE???. Altri commenti “tra amici” si possono riportare QUI ma penso ke li avete fatti pure voi ste considerazioni no?

    Arriviamo al “QUI” della riga precedente. Già QUI da Franz (piuttosto ke in altri blog) UN BLOG. I nostri … cari “piloti” Italia … si sono accorti ke girano commenti “non convenzionali”. Le domande ke ci poniamo …. sono quelle ke vorremmo porre a LORO ma ….. nessuno ke fa informazione …. cambia una virgola alla domanda ke il politico ed il suo ufficio hanno PREVENTIVAMENTE CONCORDATO con il “giornalista”!

    QUI le notizie ke NON hanno avuto spazio sui “canali informativi” girano. E tra noi ci si fa domande … si commentano. CAZZO hanno lavorato tanto per mettere l’informazione sui binari voluti e ora …..? Con il WEB si arriva a vanificare il lavoro?? Ma no dai non disperiamo, mettiamo qualke norma, qualche ddl qui e la e … vedrete ke tutto rientrerà nei “criteri stabiliti”.

    Sapete cosa mi fa …. sorridere….? I “giornalisti” ke dovrebbero investigare sulla notizia (intendo solo informarsi … sarebbe il minimo se poi vogliono informare NOI no?) spesso … NON SANNO manco di cosa parlano (esileranti i fuori onda … in cui … kiedono li attorno ad altre troupe televisive come è andata e candidamente dicono di non sapere una cippa lippa!) Ho trovato più “investigazione” sui blog, dove i vari Franz cercano articoli e notizie ke parlano dell’argomento e NON riportano “per sentito dire”. Sapete in alcune occasioni ho trovato, all’estero (mia moglie è tedesca), notizie ke riguardavano l’Italia; io non ne sapevo nulla (faccio poco testo perkè non sono uno dei più informati forse); tornato ne parlavo ad amici (+ informati di me) e pure loro non sapevano, a distanza di mesi poi …. veniva data la notizia. Un esempio ke mi è rimasto impresso + di altri fu anni fa; Al TG in GER sento ke l’esercito presidia i lavori alla villa in Sardegna del premier italiano di allora; i lavori consistono nel fare, a spese dello stato Italia, una darsena protetta di approdo a navi da crociera. Bella è la reazione nelle risposte ai giornalisti, veramente stizzito, (forse i politici non sono abituati a domande non preventivamente concordate) spiegò come era impensabile ricevere alti capi politici ed economici in modo non adeguato. Era ovvio ke pagasse l’Italia anke se erano a casa sua i lavori (ancora grazia ke non kiese l’affitto perkè metteva a disposizione del suo). L’esercito era li perkè la popolazione “indigena” protestava. Morale quando lo dissi a amici e colleghi …. mi presero per il culo! ke cazzo avevo capito? Poi, se BEN ricordo, 4 o 5 mesi dopo pure qui in ITA la notizia circolò. Ke dire? Per una volta dobbiamo ringraziare di avere una classe dirigente “anzianotta” poco avvezza alla tecnologia. In questo modo … ci hanno lasciato “assaporare” le possibilità del WEB. Accorti in RITARDO del “problema” in ritardo pongono rimedio …. speriamo ke il fatto di averci fatto vedere COSA offre il web in termini di informazione, ci faccia capire COSA si riskia di perdere.

    Ciao e scusate la mia prolissità.

  3. Franco Giambattista ha detto:

    Franz ti ho mandato l’intero mio commento per posta. se volessi sostituirlo. Così come è stato tagliato dal software … mi fa sembrare ancora + ignorante d;)

    Poi cancellami pure

    Saluti

    • franz ha detto:

      Fatto! Sei cascato di nuovo nell’errore dei caratteri “proibiti”. Usa le virgolette! Ciao e grazie 😉

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.