La chiesa scomunica la donna che voglia fare la sacerdote(ssa). Se questa è civiltà…

 isis.jpgE’ del 29 Maggio la comunicazione della Santa Sede, e pubblicata sull’Osservatore Romano, la Gazzetta dei cattolici, che regola la scomunica per la donna che tentasse di diventare sacerdote, e pure per colui che tentasse di ordinarla tale.

La notizia è vecchia, del 29 Maggio, ma se vi serve la trovate qui.

Ma da dove viene tutta questa idiosincrasia della chiesa per le donne? Che gli hanno fatto di male a questi?

Fattomi venire il dubbio, sono andato a cercare dati in merito. E non ho trovato nulla di diretto, nemmeno nelle cosiddette sacre scritture, che spiegasse la cosa. In compenso ho trovato una marea di spiegazioni che fanno riferimento alla tradizione.
In sintesi, il ragionamento ecclesiastico è questo: Gesù era un uomo, gli apostoli pure, quindi dato che tutti i preti, vescovi e gran pretagna varia sono discendenti di questi, non possono essere donne. Punto.

Io odio le cazzate e le menzogne, e questa cosa appartiene di diritto ad entrambe le categorie. Il papa prevede addirittura la scomunica. Ora, a parte il fatto che sono arciconvinto che a nessuno dotato di intelletto della scomunica gliene possa fregare granchè, prendiamo la cosa alla lettera.

La scomunica prevede la negazione del diritto all’ingresso nel regno dei cieli per lo scomunicato. Il fatto che una donna non possa fare il sacerdote è una tradizione, dato che nessuno, ne Gesù, nè la Bibbia nè il Vangelo hanno mai affermato una cosa simile. Anzi, il termine sacerdote viene dal latino sacer docet, colui (neutro, quindi anche colei) che insegna il sacro, o anche da sacer dot-eos, colui o colei che da il sacro. Negare il sacerdozio ad una donna implica negare la possibilità che una donna possa insegnare o dare il sacro. In realtà perciò implica negare la sacralità della donna.

Quindi il papa si arrogherebbe il diritto di dichiarare che la donna non è sacra quanto l’uomo, e pretenderebbe di negare il paradiso a degli esseri umani solo perchè infrangono una tradizione, che per giunta nessuno di quelli che hanno originato la religione cattolica si è mai nemmeno sognato?

Io credo un’altra cosa.

Credo che la chiesa sappia benissimo che solo una donna può consentire all’essere umano di evolversi in determinate direzioni, che porterebbero lo stesso essere umano a emanciparsi una volta per tutte dal concetto di religione e dai falsi poteri che ne derivano.

mpp50037-luis-royoluis-royo-delor-posters.jpgA sostegno di questa mia opinione, porto il fatto che le due principali religioni monoteiste (e in modo diverso ma ugualmente intenso, violente), Cattolicesimo e Islam, pongono sempre un particolare accento sul bloccare l’accesso alle stesse da parte delle donne, e in seconda battuta ma primaria manifestazione, fanno di tutto per castrarne la sessualità e l’espressione del principio femminile.

Al contrario, le religioni più antiche, come lo zoroastrismo, l’induismo, non solo non fanno alcuna distinzione tra i due sessi, ma molto spesso riservano alla figura della donna un profondo ruolo iniziatico.

I cattolici si facciano venire un dubbio (assieme agli islamici), per favore…

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

3 Comments

  1. the_highlander ha detto:

    Franz, ho spesso sentito parlare del fatto che c’è stato un periodo dove la chiesa negava che la donna avesse un’anima. Ho però trovato solo smentite a riguardo, alludendo la questione a “plateali menzogne elaborate nel Settecento dalla propaganda illuminista”, solitamente riferendosi al concilio di Macon dove a detta di qualche storico sembra che si fosse dibattuto sulla questione. Mi sono sempre chiesto se ci fossero fonti oggettive che provano una o l’altra tesi (ovvero che effettivamente erano menzogne oppure realmente ci sono stati dibattiti in merito o addirituttra che l’anima alle donne fosse stata assegnata durante un certo concilio)

  2. Alex ha detto:

    E’ veramente un peccato che la Chiesa non provi ad aggiornarsi anche solo un pochetto. Non le si chiede di cambiare idea su certe posizioni prese, ma almeno di riconoscere certe realtà. Perché la donna non può essere sacerdotessa e merita scomunica? Perché continuare ad essere contro all’utilizzo del preservativo, mentre un intero continente sta affondando per questi problemi?
    Mistero della fede…

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.