Crisi mutui: il signoraggio questo sconosciuto 5 – Anatocismo

Dicesi “anatocismo” la capitalizzazione degli interessi su un capitale, allo scopo di far sì che quegli stessi interessi (assieme al capitale stesso) producano altri interessi.

L’anatocismo è oggi regolarmente praticato dalle banche, con la capitalizzazione trimestrale di debiti e crediti. Un classico esempio sono gli interessi passivi su fido, che vengono accorpati al debito, e al successivo trimestre generano a loro volta un passivo maggiore del precedente.

Questa cosa venne resa legale sotto il governo d’Alema, quando venne emesso il cosiddetto “decreto salvabanche”. Solo che doveva essere norma transitoria. Negli anni successivi, sia la Consulta con questo decreto, e successivamente con quest’altro, apportano modifiche sostanziali alla legge di cui sopra.

Il tutto viene quindi regolamentato dalla legge  281/98 oltre a quelle già citate.

Quindi attenzione, perchè sebben differente dall’usura (che è un illecito penale), l’anatocismo è e rimane comunque un illecito (amministrativo), peraltro ancora oggi reolarmente praticato dalle banche.

Volendo estendere un po’ (forzatamente, lo ammetto) questo concetto, lo possiamo trovare tranquillamente applicato alle “tasse sulle tasse”, regolarmente imposte su carburanti, tabacco e alcoolici, in cui l’IVA viene applicata non già esclusivamente sul valore della merce, ma sullo stesso già gravato dalle accise, determinando di fatto l’aggravamento dell’IVA che viene calcolata su valore più tasse già applicate.

Per un esempio, potete fare riferimento a questo mio post precedente.

– CONTINUA –

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

3 Comments

  1. raffaele ha detto:

    sono il responsabile del isa campania e sono a disposizione per tutte le imprese che vogliono fare cause alle banche per il signoraggio e anatocismo cell 3404059744

  2. raffaele ha detto:

    so sempre raffaele35@libero.it resposabile sel isa campania volevo dirti che il mio cell e 3494059744 e no 340 sei gentile grazie

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.