Ogm: il gene Terminator non è un film 7 – Il trucco del debito

Lo denuncia Vandana Shiva, ma anche molte altre voci. Nei paesi produttori, l’introduzione delle colture OGM ha prodotto un notevole livello di povertà. Non posso dire quale sia l’incidenza dei semi sterili, ma secondo diverse fonti è piuttosto alta.

Sta di fatto che le colture OGM hanno avuto effetti nefasti per due motivi fondamentali. Il primo è che la resa di queste sementi non è stata affatto quella promessa, anzi in molti casi è stata addirittura inferiore a quella delle colture tradizionali.

La seconda è dovuta al maggior prezzo degli OGM, e alla loro sterilità, che in molti casi ha prodotto un indebitamento progressivo dei contadini. A quanto ho trovato, il tasso di suicidio tra questa classe di lavoratori, specialmente in India, è cresciuto parecchio negli ultimi anni.

Quelli che ancora riescono a tirare avanti, lo fanno conoscendo una cosa che non avevano mai sperimentato prima: i debiti verso le banche.

Questo genere di debito, molto diffuso nei paesi industrializzati, era molto basso fino a poco tempo fa nei paesi poveri, e comunque di genere diverso. Nel senso che non veniva richiesto denaro, se non con una notevole certezza di poterlo restituire, e comunque non per l’acquisto di generi di lusso, ne’ di immobili, ma per i pochi che potevano permettersi di offrire garanzie, per l’investimento nella propria attività.

Ora invece il debito sta progressivamente assumendo l’aspetto che ha nel mercato creditizio occidentale, ovvero quello di una trappola accuratamente preparata.

D’altronde da poco anche in Italia, se ci avete fatto caso, nelle pubblicità si vede il modello americano; non si dice più quanto costa un oggetto, ma qual’è il costo mensile delle rate del prestito necessario per comperarlo.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

1 Comment

  1. […] perfettamente ragione. Qualche tempo fa scrissi un post sull’argomento, “Il trucco del debito” che riverbera da vicino il contenuto della frase qui […]

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.