Romanzo sulla terza moglie di Maometto, molotov contro l’editore

Un’altra casa editrice, con un po più di palle della Random House, ha acquisito i diritti del romanzo “The jewell of Medina”, di Sherril Jones.

Il libro manco è uscito, e qualche benpensante islamico ha già tirato una molotov contro l’editore.

Considerato che Benedetto XVI aveva messo al bando i romanzi di Harry Potter, mi verrebbe da ridere, se non ci fosse da piangere. Le analogie sono evidenti, e la considerazione è facile. Non vedo grosse differenze tra gli estremismi delle due religioni, se non che quella cattolica si è nel corso dei secoli ricoperta di un patina di civiltà, per cui le vie di fatto si sono escluse.

Ma non vedo molta differenza tra tirare una molotov a un editore, e impedire a una donna di abortire quando magari ci può andare di mezzo la sua salute psichica, o impedire a un essere umano di scegliere il momento in cui abbandonare questa valle di lacrime.

La religione non è più l’oppio dei popoli; si è trasformata nella loro catena al piede.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.