Ogm: il gene Terminator non è un film

Premetto che questo credo sia solo il primo post di una lunga serie.

Veronesi, Berlusconi e altri personaggi del mondo politico sostengono la validità degli Ogm (organismi geneticamente modificati) nell’alimentazione animale e umana. Come tutti i sostenitori, dicono che non c’è pericolo per l’uomo o l’animale che si nutre di un Ogm.

Un ogm è un organismo, vegetale o animale, il cui corredo genetico, il cui DNA insomma, è stato modificato artificialmente per un qualsiasi scopo.

Noi ordinariamente non lo sappiamo, ma molte cose di cui ci nutriamo hanno subito una o più di queste modifiche. Mais, soia, tabacco solo per dirne alcuni ormai sono completamente transgenici.
E non vengano a raccontare che non è vero, perchè altrimenti non si spiegherebbe il perchè dell’aumento del 4900% degli ettari coltivati a Ogm negli anni dal 1996 al 2001.

Per quel poco che so, una mutazione è qualcosa normalmente di molto lento, e nella maggior parte dei casi letale per l’organismo in cui avviene. Occasionalmente ciò non avviene e la mutazione viene “inglobata” nel DNA dell’organismo mutato, che la trasmetterà ai propri discendenti.
Una mutazione artificialmente indotta, non beneficia di questo “filtro” naturale, ma deve comunque seguire in futuro il normale processo naturale. Ergo mi sembra molto difficile poter garantire che un’alterazione genetica non sia dannosa per l’uomo, se prima non passa un bel po’ di tempo.

Come se ciò non bastasse, il business Ogm è qualcosa di estremamente nefasto per tutti, tranne per quelle multinazionali che ne detengono i soliti diritti. Si, perchè gli organismi Ogm sono di proprietà, e protetti da copyright.

Non molto tempo fa (1988 – 99) la Monsanto mise in vendita tutta una serie di semi Ogm, con innestato un “gene terminator”, ovvero un gene che impedisce alla semente di germogliare al secondo raccolto. Lo scopo di questo giochetto è ovvio: impedire ai contadini di usare parte del raccolto per seminare per l’anno successivo, costringendoli così ad acquistare ogni anno le sementi dalla Monsanto e controllate.

Teoricamente l’Onu avrebbe condannato questa pratica, ma dal 2006 ha invece deciso che andava bene, per cui il gene terminator in questione è bellamente in giro a fare i suoi danni.

Mi viene in mente la pubblicità di un dentifricio di qualche tempo fa: “Ti spunta un fiore in bocca”.

Profetica, non c’è dubbio.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

4 Comments

  1. Francesca ha detto:

    Ciao Franz!

    A proposito di Monstanto, è “piuttosto” interessante spendere qualche mezz’ora cercando sul Web notizie sulle loro sementi in India. Facilmente, si incapperà in qualche intervista a Vandana Shiva, che da sempre si batte contro lo sfruttamento agricolo del suo paese da parte delle grandi società multinazionali. Si troverà anche qualche interessante notizia sui suicidi dei contadini indiani, finiti in rovina proprio grazie all’azione del Gene Terminator…
    Tra l’altro è ormai chiaramente dimostrato che i raccolti OGM necessitano del doppio/triplo quantitativo di pesticidi, rispetto alle coltivazioni naturali. Molto interessante, vero?!

    Saluti!

    Francesca

    • franz ha detto:

      Molto, infatti se noti la premessa era che questo è solo il primo post di una serie… ci sto lavorando sopra…
      Vandana Shiva è solo uno dei tanti che denunciano su questo argomento… c’è molto da leggere, solo che ogni tanto lo schifo mi costringe a prendere una pausa 😉

  2. the_highlander ha detto:

    E’ veramente vergognoso. Aspettiamo i prossimi post Franz! Intanto mi informo …

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.