Test clinici, farmaci e placebo. Una montagna di balle. - Franz's Blog

Test clinici, farmaci e placebo. Una montagna di balle.

Sono andato ad indagare su cosa siano e come vengano svolti i test clinici sui nuovi farmaci.

Tanto per iniziare c’è da chiarire che non esiste un farmaco privo di effetti collaterali. La prima parte della sperimentazione, consiste proprio nel determinare quanto un farmaco sia tossico. Nelle successive fasi, i cosiddetti “trials” (test clinici), si cercherà di capire quanto un farmaco sia davvero efficace, e se la sua efficacia superi la gravità degli effetti collaterali.

Un test clinico, implica normalmente che i pazienti soggetti della sperimentazione vengano divisi in due gruppi. Al primo viene somministrato il nuovo farmaco, al secondo un farmaco preesistente, notoriamente già efficace (e già qui mi viene da ridere), oppure un placebo, ovvero un preparato totalmente inattivo.
Quando questo trial viene eseguito senza che i pazienti sappiano se riceveranno un farmaco o un placebo, si dice studio “a cieco”. Quando neppure chi somministra la cura sperimentale sa se sta dando il farmaco o il placebo, si parla di “doppio cieco”. La differenza statistica tra le percentuali di miglioramento dei due gruppi dice se un farmaco è efficace o no. Notare che basta che la differenza superi pochi punti percentuali perchè un farmaco venga giudicato efficace.

Ora, quello di cui dobbiamo renderci conto è che questi “trials” costano un mucchio di soldi. Un esorbitante mucchio di soldi. Quindi nella sperimentazione in questione si cercano regolarmente degli sponsor. Casualmente questi sponsor sono quasi sempre le case farmaceutiche stesse. Quindi si parte già con un piede sbagliato: non ha senso che a fornire i fondi per sperimentare l’efficacia di un farmaco sia la stessa azienda che lo produce. Mi sembra abbastanza ovvio.

Un’altra cosa interessante è che non tutti i nuovi farmaci vengono sperimentati a cieco o doppio cieco. Il che significa che non per tutti viene stabilito l’effettivo risultato contro un gruppo di controllo trattato a placebo o con un farmaco già esistente.

Ma qui la cosa si fa interessante. Non molto tempo fa, nel 2003 per la precisione, il Sig. Allen Roses, vicepresidente mondiale del settore genetica della GlaxoSmithKline, uno dei colossi farmaceutici, affermò pubblicamente che “la maggior parte dei loro farmaci era efficace in una percentuale variabile dal 30 al 50% dei casi trattati” (trovate QUI l’intervista originale). Giusto per dare un’idea, i farmaci indicati alla sezione oncologia risultano efficaci nel 25% dei casi trattati.  Il Sig. Roses continua nella sua intervista spiegando che si tratta di una cosa ben nota tra tutte le case farmaceutiche, ma che ovviamente non viene rivelata al pubblico.

Ma parliamo dell’effetto placebo. Questo “misterioso” effetto, è conosciuto da centinaia d’anni. Sostanzialmente è quell’effetto per cui ti danno acqua e zucchero dicendoti che è un farmaco potentissimo e tu guarisci.

L’effetto placebo varia in misura incredibile a seconda di un mucchio di fattori: il luogo, la persona, il tipo di patologia per cui lo si studia… ma una cosa è certa: l’effetto c’è nonostante qualche idiota ancora si ostini a dire che non esiste. Credo che in un caso o nell’altro più o meno tutti lo abbiano sperimentato.

Orbene, esistono alcune classi di patologie in cui il miglioramento dietro somministrazione di un semplice placebo supera la percentuale dell’80%. Per molte altre vi sono percentuali oscillanti dal 20% a oltre il 60%. Trovate la tabella in questa pagina.

Risulta ovvio a questo punto che se l’effetto in questione deriva dal fatto che il paziente “sa” che gli viene dato un farmaco efficace,  allora lo stesso effetto deve entrare in gioco quando si somministra un farmaco “vero”. Ma se la maggior parte dei farmaci è inefficace in più della metà dei pazienti, qualcuno mi spiega che differenza passa tra questi farmaci e il placebo?

Un’altra osservazione: l’effetto placebo varia in modo sensibile a seconda della zona del mondo in cui lo si misura, e indipendentemente da ciò per cui lo si misura. Vale a dire: se ad esempio si fa uno studio a doppio cieco su un nuovo farmaco ad Hong Kong, la percentuale di miglioramento nel gruppo trattato con il placebo è del 30%. Se la stessa cosa si fa in Finlandia la percentuale sale al 70%. Quindi, a meno di non conoscere esattamente le percentuali di sensibilità al placebo della zona in cui viene condotto il trial per un dato farmaco (sempre che sia un trial a cieco o doppio cieco), quel trial non è significativo.

E’ chiaro che l’efficacia di alcuni farmaci non può essere negata. Ma è altrettanto chiaro che per molti altri vale quanto segue:

1) Nessun farmaco è privo di effetti collaterali. Al massimo si dice che tali effetti sono inferiori ai benefici portati dall’uso del farmaco stesso.

2) La ricerca sui nuovi farmaci viene finanziata quasi esclusivamente dalle case farmaceutiche che li producono.

3) Anche i test clinici volti a determinare l’efficacia di un farmaco vengono finanziati quasi esclusivamente dalle case farmaceutiche che li producono.

4) I suddetti test clinici molto raramente vengono effettuati a doppio cieco.

5) Quand’anche lo sono la percentuale di efficacia non è affidabile per la variabilità della sensibilità della popolazione all’effetto placebo.

6) Uno dei maggiori dirigenti della Glaxo ha ammeso pubblicamente che la maggior parte dei farmaci sul mercato funziona in meno della metà dei casi, percentuale paragonabile tranquillamente a quella di un effetto placebo.

Ma davvero volete continuare a ingozzarvi di Aulin?

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

3 risposte a Test clinici, farmaci e placebo. Una montagna di balle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate