Olimpiadi: continuate a guardarle. Intanto in Tibet continuano a crepare.

Ancora state a guardare le olimpiadi? Bene. Perfetto.

Nel farlo, considerate che state facendo quanto segue: voi guardate la TV. Oltre alle immagini dello sport vi beccate la pubblicità italiana e pure quella in loco. Placidamente state autorizzando gli sponsor a riempire di soldi i cinesi. Contestualmente state anche incamerando l’immagine “da splendido” che il governo cinese vi sta vendendo (con i soldi degli sponsor).

In buona sostanza continuate comodamente, per pigrizia, inedia mentale, insensibilità, egoismo, ad avallare un governo di canaglie che da sempre si fa una sega dei diritti umani, e che da un po’ di tempo sta massacrando il popolo del Tibet.

Ovviamente non gliene frega niente a nessuno. Manco a Sarkozy, che prima dice di essere fermamente contrario agli atti del governo cinese, ma poi non appena i figli del dragone gli ricordano i miliardi di euro dei contratti in essere, si fionda in tribuna tutto sorridente.

Oggi sul quotidiano Le Monde, finalmente il Dalai Lama è uscito dallo stato di trance in cui sembra essere caduto negli ultimi anni, e ha dichiarato che il giorno 18 Agosto, non meno di 140 persone sono state uccise dall’esercito cinese. Mentre dall’inizio della ribellione gli arresti potrebbero essere qualcosa tipo 10-15.000.  E i morti accertati circa 400.

Contenti voi…

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

2 Comments

  1. Steven ha detto:

    Secondo me sprechi il tuo fiato, ma comunque bel tentativo!

  2. Franz ha detto:

    Come hai ragione… stamattina l’ufficio stampa del Dalai Lama si è affrettato a smentire dicendo “che non hanno menzionato alcun numero di vittime”. Mamma mia, pure loro si stanno smerdando alla ragion di stato.

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.