Ensemble – (chi lo riconosce? 2)

E’ un tiepido pomeriggio d’estate in cui il calore ti sfiora la pelle,

le pale danzano nella stanza in penombra,

nudo sul letto,

….. un ricordo lontano….

Lei mi guardava offrendomi i suoi seni pieni che si affacciavano dalla scollatura,

la camicia di seta si agitava nel vento, labbra di sangue……..Bellezza divina…..

La notte profonda, luci danzanti sul mare,

un soffio lieve come petali al vento…

Lei camminava lenta, il cuore pulsante,

mi era così vicina da sentire il respiro,

“……amore bagnami la pelle…”

E’ tornata la notte……quanto tempo ancora seduto senza capire…..

Mi avvolge un grande silenzio come nel deserto,

rimane il ricordo del suo profumo.

Solitudine come può diventare amara la tua dolce compagnia…..

Di ogni cosa resta l’amore.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.